Ancystrus cirrhosus, comportamenti e necessità.

Avatar utente
gsaporita

Ancystrus cirrhosus, comportamenti e necessità.

Messaggioda gsaporita » 27/04/2014, 22:54

Immagine

Quasi sempre quando parliamo di acquariofilia guardiamo tante foto,
dimenticandoci spesso la cosa più importante:

La foto non è altro che l’attimo di un momento”.

Quindi praticamente nulla, io invecece vi propongo qualcosa di più,
dei filmati che diligentemente io ho pubblicato anni fa su youtube e
che vi ripropongo qui per farvi vedere i comportamenti abituali
dell’esemplare in oggetto e possibilmente descrivendovi in forma
minima se non brevissima quello che i miei occhi hanno avuto la
possibilità e la fortuna di vedere, facendone bagaglio per tutti gli
amici che desiderano avere in vasca animali cosi affascinanti come
il locaride in oggetto..Dal punto di vista comportamentale i locaridi
si somigliano un po tutti, quindi i comportamenti possono essere
leggermente diversi ma fondamentalmente sono quelli.

Un pò per inesperienza un pò per altri motivi spesso non sempre
scrivendo si riesce ad essere chiarissimi e quindi per non cadere
su errori grossolani o fraintendimenti vi faccio vedere questi filmati,
essi riassumono un pò il comportamento e le necessità primarie
delle’esemplare in oggetto..
Filmati che hanno raccolto un bel pò di visualizzazioni, stiamo
parlando di circa 32.800 visualizzazioni più o meno, su un social
network mondiale come “youtube”, oggi è di proprietà
di google, ma questo a noi interessa poco, dicevo questi
filmati sono stati accettati dal pubblico acquariofilo mondiale
in senso positivo.

Inizierei subito cercando per quello che mi è possibile descrivervi
di cosa stiamo parlando:

La sua Famiglia di apparteneza è quella dei Loricariidae (Loricaridi),
la sua subfamiglia è Ancistrinae, l’Ordine a cui appartiene è quella
dei Siluriformes (Siluriformi), la classe Actinopterigi, il suo nome
comune nel luogo di cattura è catfish tradotto in italiano pesce gatto,
la sua dimensione massima raggiunge i 11.8 cm circa, da non
confondere con il Pleco che è anche esso un locaride, ma meno
richiesto dagli acquariofili a causa delle dimensioni che raggiungono
in vasca molto più grandi in età adulta, devo dire che anche loro
sono altrettanto belli, ma necessitano di vasche molto più grandi,
L’Ancistrus ha bisogno di un ambiente con acqua dolce,
un pH range: 6.0 8.0, un dH range: 5 – 19, una temperatura
tropicale che si aggiri tra i 23 e 27°C, non è molto richiesto
quindi è ritenuto di poco interesse, per non dire nessuno.
E’ amato invece nel mondo acquariofilo commerciale, ha una
resistenza media, quindi anche il neofita riesce tranquillamente
ad allevarlo, questo comunque non significa che ci si possa rilassare
al suo mantenimento ottimale, ricordiamo sempre che sono sempre
esseri viventi, perdonatemi ma questo non finirò mai di dirlo agli
amici di hobby, il suo tempo minimo di riproduzione della popolazione
e compresa tra i 1.4 – 4.4 anni.
L’Ancistrus è onnivoro praticamente mangia di tutto ma ha delle
preferenze, pur essendo un fitofago per eccellenza, preferisce una
alimentazione fatta da cibi di origine vegetale.
E’ per questo che molti acquariofili lo tengono in vasca proprio per
eliminare dai vetri una buona parte di alghe.
In commercio esistono delle pastiglie di cibo per pesci da fondo che
contengono estratti vegetali, quindi quando siete in giro per negozi
di animali cercatele, sono facilissime da trovare.
In mancanza di questi pastiglie si adattano anche a mangimi secchi
a scaglie, che cadono sul fondo dell’acquario che spesso non vengono
mangiate dagli altri pesci, perchè nascoste o impossibilitati, l’Ancistrus
ha un corpo a siluro e entra in qualsiasi buco del vostro acquario.
Essi gradiscono molto anche verdure crude, o appena sbollentate,
come zucchine, cetrioli e carote.
Sono capaci di eliminare nel giro di poche ore carcasse di pesci deceduti,
contribuendo alla pulizia dell’acquario e vi assicuro che non è cosa da poco,
immaginiamo di stare fuori per qualche giorno se non ci fossero loro l’acqua
si inquinerebbe facendo ammalare tutti i pesci, quindi la sua presenza in
acquario è quasi obbligatoria…ricordate che l’Ancistrus non è un pesce
spazzino come purtroppo lo definiscono alcuni.
La riproduzione negli Ancistrus in acquario è abbastanza frequente, e
avviene in natura durante le piogge amazzoniche, quindi se vuoi far
riprodurre i tuo Ancistrus basta cambiare l’acqua come fanno quasi
tutti una volta la settimana, inserendo però acqua fredda, loro sentono
questa particolare condizione che è tipica dell’Amazzoia e si riproduce
sistematicamente, l’Ancistrus è monogamo, quindi formano coppie fedeli
nel tempo e spesso per tutta la vita, loro amano deporre in fessure e cavità,
possibilmente con poca luce.
Il maschio sceglie il luogo della deposizione, successivamente spinge
ed invita la femmina ad entrare dove lei deporrà le uova, subito dopo
il maschio la scaccia dalla tana e inizia a sorvegliare prima le uova dopo
averle fecondate, prendendosi cura di esse in tutto e per tutto,
praticamente la femmina non fa altro che deporre, non si cura nemmeno
dei piccoli appena nati, il disinteresse suo è totale, mentre il maschio
si incarica di tutto il fabbisogno dei piccoli avannotti.
Dopo la fecondazione il maschio, sorveglia e cura gli avannotti fino ai
15 giorni di età, gli avannotti vanno aiutati comunque dall’uomo non
dobbiamo mai dimenticare che vivono in un acquario e l’acquario
non è MAI NATURA chi pensa il contrario sbaglia, essi devono
essere inoltre alimentati con alghe secche, mangimi in fiocchi di origine
vegetale.

Questo che vedete qui sotto è un Loricaride che non entusiasma
tutti gli acquariofili, forse perchè un più delicato di tutti gli altri,
ma è particolarmente bello, si tratta di un Ancistrus albino “giallo
uniforme”.


[youtube]0q7bJVtc0DM[/youtube]
1.131 visualizzazioni



Questo che vedete è un Ancystrus cirrhosus è il nome scientifico o
sp. 3, quello che vedete è un giovane Maschio.

[youtube]QW1OjySP8Tw [/youtube]
1.830 visualizzazioni


Queste invece è la prima riproduzione che io ho avuto in vasca si
tratta sempre dell’Ancistrus cirrhosus Maschio, però in quell’occasione
mi ero perso le fasi più importanti e principali, e allora mi sono inventato
quello che vedrete nei filmati successivi, una mezza anfora attaccata
al vetro dell’acquario, e coperta dalla parte opposta al vetro, dove era
appoggiata, per non fare entrare luce ho usato un cartoncino di colore
nero, questo mi ha permesso di poter riprendere l’anfora e tutta la
riproduzione filmando i piccoli nei loro primissimi giorni di vita, i
primi 5 giorni i piccoli non si vedono in giro, il padre non li lascia
uscire.


[youtube]1F1ZpEicIGs [/youtube]
15.000 visualizzazioni


Queste invece sono le varie fasi di riproduzione dell’Ancistrus cirrhosus
o sp. 3
si vede bene il maschio Maschio e le uova appena fecondate.
E’ un qualcosa di estremamente unico…questi animali, sono molto
particolari e in questo caso possiamo notare la ventilazione che esegue
il padre ai piccoli con le pinne ventrali per ossigenarli, ho notato inoltre
una situazione particolarmente unica, questo maschio ventila la prole non
solo con le pinne come generalmente è abituato a fare ma anche con la
bocca, se non avessi messo la mezza anfora non avrei mai visto una cosa
del genere ed io la regalo a voi.

[youtube]Cm45mBmHoTI[/youtube]
2.700 visualizzazioni



[youtube]ImJ-_ZQjrS8[/youtube]
2.030 visualizzazioni


Qui gli avannotti sono nati da poco meno di un’ora, guardate che
meraviglia..


[youtube]ZOMGgrUMN_k [/youtube]
1.260 visualizzazioni



Qui invece vediamo fianlemente l’Ancistrus cirrhosus o sp. 3 maschio
dopo appena 4 giorni dalla nascita degli avannotti, se notate bene i
piccoli hanno cambiato completamente il loro mapping, il maschio se
fate attenzione continua ad essere eccitatissimo, lo si può notare dalla
macchie che si vedono nitide sul suo mapping, cosa che inizia e
mantiene fino a quando i piccoli avannotti non saranno del tutto a
utonomi.

[youtube]aU4KanrO-mg[/youtube]
8.783 visualizzazioni



Grazie per la vostra attenzione.

Gioacchino


Avatar utente
Stefano
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12431
Iscritto il: 10/04/2014, 23:33
Reputation: 380
Località: ROMA
Cosa allevi: MALAWI
Allevo pesci dal: 1995
Contatta:

Re: Ancistrus, comportamenti e necessità

Messaggioda Stefano » 27/04/2014, 23:26

Fantastico topic...bravo Gioacchino !!

Stefano

" L'Acquariofilia e' una passione e le passioni bisogna coltivarle "
L'Acquariofilia e' una passione e le passioni bisogna coltivarle !!!


Avatar utente
gsaporita

Re: R: Ancystrus cirrhosus, comportamenti e necessità.

Messaggioda gsaporita » 29/04/2014, 7:17

Grazie !!!!



Torna a “LORICARIDI”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti