CIPRINIDI CONSIGLI !!!

Avatar utente
Stefano
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12448
Iscritto il: 10/04/2014, 23:33
Reputation: 380
Località: ROMA
Cosa allevi: MALAWI
Allevo pesci dal: 1995
Contatta:

CIPRINIDI CONSIGLI !!!

Messaggioda Stefano » 19/09/2014, 10:47

Immagine

Fonte foto:aquaticmag.com


La famiglia dei ciprinidi è una delle più numerose, contando più di 2000 specie molte delle quali importantissime dal punto di vista alimentare visto che l’allevamento a scopo nutrizionale di alcune varietà di carpe arriva mediamente a superare i sei milioni di tonnellate l’anno. Dal punto di vista acquariofilo la famiglia dei ciprinidi regala una notevole varietà di specie prevalentemente di provenienza asiatica.
I ciprinidi sono caratterizzati dalla presenza di due ossa a forma di falce munite di un numero variabile di protuberanze poste prima della faringe e detti denti faringei; queste sopperiscono all’assenza di dentatura e svolgono la funzione masticatoria. In quasi tutte le specie sono presenti una o due coppie di barbigli ai lati della bocca. Sono pesci pacifici che amano vivere in gruppi numerosi e sono presenti in quasi tutte le zone del pianeta, andando dalle acque temperate fino a quelle tropicali e a seconda della specie occupano differenti zone nella colonna d’acqua.
Il regime alimentare è onnivoro a parte qualche specie prettamente vegetariana.
Le dimensioni dei ciprinidi possono andare dai pochi centimetri fino ai tre metri del rappresentante più grande della famiglia (barbo gigante). Si tratta di pesci ovipari e la deposizione può avvenire in acqua libera o su un substrato, anche se le tecniche di riproduzione sono quanto mai varie. In acquario come in natura le uova e gli avannotti sono predati dagli esemplari adulti e dagli stessi genitori in quanto le cure parentali sono completamente assenti.
I ciprinidi sono abbondantemente presenti nei nostri acquari e l’indiscusso portabandiera di questa famiglia è senza ombra di dubbio in Carassius Auratus comunemente conosciuto come pesce rosso, ne esistono di diverse forme e varietà. L’allevamento di questo ciprinide è per molti il primo passo effettuato nell’affascinante mondo dell’acquariofilia. Altri rappresentanti molto comuni negli acquari tropicali sono i barbi provenienti dalle acque asiatiche e africane nonché i danio, le rasbore e gli epalzeorhynchos.
Allestire un acquario dedicato ai ciprinidi non è affatto difficile visto che si tratta per lo più di pesci pacifici e molto robusti che se messi nelle condizioni ideali ci sapranno regalare affascinanti momenti con la loro vivacità.

ALLESTIMENTO ACQUARIO CIPRINIDI

DIFFICOLTÀ:
Facile

L’AMBIENTE:
I fiumi, i laghi e i piccoli corsi d’acqua che innumerevoli scorrono tra le foreste e le pianure del sud-est asiatico ospitano una ricchissima ittiofauna, in cui un ruolo importante è svolto dai Ciprinidi, un’enorme famiglia di oltre 1600 specie diffusa anche in Europa, Africa e Nord America.
Molti piccoli Ciprinidi asiatici sono assai ricercati dagli acquariofili e, oltre ad adattarsi molto bene agli acquari di comunità, possono da soli “riempire” una vasca di media capacità vivacizzandola con i loro colori e il movimento incessante.

LA VASCA:
80 x 40 x 45(h) cm.

L’ILLUMINAZIONE:
2 lampade fluorescenti 18/20 W (una “fitostimolante” + una “bianca” o “calda”).

IL FILTRAGGIO:
Filtro biologico incorporato lateralmente o posteriormente.
Materiali filtranti: lana di perlon, spugna a porosità grossolana (prefiltraggio);
elementi ceramici, graniglia lavica, spugna a porosità fine (filtraggio biologico);
carbone attivo, zeolite (filtraggio chimico).
Pompa: 300 l/h.

L’ACQUA:
T 23/26° C; pH 7; 3/5° dKH; 10/15° dGH.

IL FONDO:
Sottofondo fertilizzato (materiale minerale, argilla, laterite) ricoperto da ghiaietto siliceo, quarzifero o ceramizzato a granulometria media.

L’ARREDAMENTO:
Rocce non calcaree (ardesia, zeolite, lava, ecc).

PIANTE:
Cryptocoryne wendtii, Acorus gramineus pusillus(1°piano);
Aponogeton undulatus, Nymphaea stellata, Hygrophila spp., Microsorum pteropus (protagoniste);
Vallisneria spp., Limnophila spp., Crinum thaianum(sfondo).

PESCI:
Brachydanio spp., Danio malabaricus, Rasbora spp.,Esomus spp., Barbus spp., associabili pesci di fondo quali Pangio spp., Botia spp., Crossocheilus siamensis.

CONSIGLI:
Acqua pulita, ben ossigenata e regolarmente rinnovata
con piccoli cambi parziali. Tutti questi pesci accettano
volentieri i mangimi secchi, non deve mai
mancare una componente vegetale nella dieta, altrimenti certe specie (come alcuni Barbus) possono danneggiare le piante più delicate. Tenere sempre Ciprinidi in branco.
L'Acquariofilia e' una passione e le passioni bisogna coltivarle !!!


Torna a “CIPRINIDI”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti