Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

MALAWI: MBUNA/HAPS
Avatar utente
Antonio87
Utente
Utente
Messaggi: 396
Iscritto il: 08/05/2014, 13:44
Reputation: 13
Cosa allevi: N/D
Allevo pesci dal: N/D

Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

Messaggioda Antonio87 » 11/02/2016, 15:45

Sommario
Il genere lago Malawi Melanochromis incluso cinque specie al suo inizio ed è stato originariamente distinto da
Pseudotropheus sulla base della morfologia compresa la disposizione dei denti faringei. La diagnosi è stata
esteso per due volte, la prima ad includere tutto allungare mbuna che possiedono strisce orizzontali e bande denti a forma di U e poi a
escludere mbuna che non presentano un'inversione legata al sesso nella loro modello di colore. Abbiamo ulteriormente affinato la diagnosi di
genere sulla base del modello di melanina, risolta una controversia lunga sulla validità della M. heterochromis,
rivalutato lo status di M. vermivorus, synonymized M. mellito Johnson 1976 con M. melanopterus Trewavas 1935,
mosso M. Benetos Bowers e Stauffer 1977 al Pseudotropheus, e descritto M. Kaskazini, M. wochepa, e M.
mossambiquensis dalla sponda orientale del lago. Melanochromis è ancora parafiletico come due specie, M.
joanjohnsonae Johnson 1974 e M. labrosus Trewavas 1935, non sono congruenti con il resto del gruppo, ma, attualmente,
una migliore alternativa per questi due non è stato trovato

Introduzione
Il piccolo, rock-dimora pesci ciclidi haplochromine nel lago Malawi, in Africa, sono comunemente indicato come
mbuna. Il genere Melanochromis Trewavas 1935 una delle decine di generi attualmente riconosciuti all'interno del
mbuna-stato originariamente distinta dalla Pseudotropheus sulla base dei meno numerosi e meno densamente
denti faringei affollati con quelli della serie mezzo di diventare un po 'più grande posteriormente
Melanochromis. Sulla base di questi caratteri, cinque nuove specie sono state inizialmente incluse nel genere:
Melanochromis melanopterus, M. vermivorus, M. brevis, M. perspicax, e M. labrosus. Johnson (1975)
proposto di classificare le specie in generi Melanochromis e Pseudotropheus sulla base del loro colore
modello e suggerisce di includere P. auratus, P. johannii, e P. fuscus in Melanochromis e di trasferire M.
brevis a Pseudotropheus. Sulla base della morfologia della mascella faringea inferiore P. johannii e P.
auratus, Burgess (1976) anche poste queste due specie in Melanochromis. Pochi anni dopo, Johnson (1978)
riconsiderato alcune delle sue proposte e tornò M. brevis per Melanochromis e P. fuscus a
Pseudotropheus. Due delle specie originariamente inclusi nel Melanochromis, M. labrosus e M. perspicax,
mancano strisce orizzontali; quest'ultimo ha, sulla base della sua colorazione, indicativamente stato messo in
Pseudotropheus da Loiselle (1979) e da Ribbink et al. (1983). Il posizionamento generica di M. labrosus ha
sempre stata contestata, e ad un certo punto si è messo in discussione se si appartiene a uno dei generi comunemente
denominato mbuna (Burgess 1976; Loiselle 1978; Genner & Turner 2005). E 'attualmente risiede a
Melanochromis.
Trewavas (1984) ha esteso la sua diagnosi iniziale di Melanochromis per includere, tra gli altri, modello di coloreCaratteristiche come segue: membri del genere sono caratterizzate da un modello di strisce orizzontali
composto da bande chiare, spesso iridescenti, su uno sfondo nero o molto scuro. Non fino a quando Trewavas di esteso
diagnosi sono state le definizioni precedenti proposte, sulla base di modello di colore, generalmente accettata. Nel 1982, Ribbink
e Lewis descritto Melanochromis crabro sulla base della morfologia della sua mandibola faringea, ma
Trewavas (1984) trasferito al Pseudotropheus sulla base del suo modello di colore, che consiste in verticale
barre.
Un numero relativamente elevato di specie sono state aggiunte dal Melanochromis. Eccles (1973) ha descritto
M. simulans mentre Burgess e Axelrod (1976) ha aggiunto M. parallelus. Quest'ultima specie è stata considerata una junior
sinonimo di M. chipokae da Schraml (1998). Johnson (1974 1975a, b, 1985) aggiunge un numero di specie
Melanochromis: M. chipokae, M. loriae, M. interruptus, M. mellito, M. joanjohnsonae (originariamente descritta
come membro del Labidochromis ma inserito in Melanochromis da Lewis nel 1980), e M. robustus.
Melanochromis loriae Johnson 1975 è stato considerato come un sinonimo junior di M. chipokae (Konings 2001), e
M. mellito Johnson 1976 è stato precedentemente considerato un sinonimo junior di M. vermivorus (Schraml 1998;
Konings 2001). M. mellito sembra questo documento per essere congruente con M. melanopterus, il che lo rende una junior
sinonimo. Bowers e Stauffer (1993) descritte M. heterochromis, e nel 1997 gli stessi autori hanno aggiunto M.
dialeptos, M. cyaneorhabdos, M. perileucos, M. baliodigma, M. xanthodigma, M. lepidiadaptes, Benetos M.,
e M. elastodema. Quest'ultima specie è stata successivamente considerata come un sinonimo junior di M. interruptus
Johnson (Schraml 1998; Konings 2001), e Konings (2001) considerati M. xanthodigma conspecifici con M.
baliodigma e M. Benetos un sinonimo junior di M. robustus Johnson. Tawil (2002) ha sostenuto che ci sono
almeno due diversi modelli di colore tra gli attuali membri del Melanochromis e che M.
johannii, M. interruptus, M. perileucos, e M. cyaneorhabdos sono quindi probabilmente non strettamente correlati alle
M. melanopterus. Ha ridefinito la diagnosi e ha suggerito lo spostamento queste quattro specie di Pseudotropheus.
Una delle contese per quanto riguarda l'identificazione delle specie di Melanochromis è che coinvolgono M.
vermivorus. Melanochromis vermivorus non era stato riconosciuto nel campo e scambiato come una variante di M.
melanopterus (Ribbink et al. 1983), mentre M. heterochromis era stato visto come un possibile variante geografica
di M. vermivorus (Konings 1995; Schraml 1998). I precedenti tentativi di raccogliere M. vermivorus al suo tipo
località (Nkudzi, Malawi) hanno avuto successo a causa della confusione di quella specie con M. melanopterus
e a causa della percezione sbagliata di come M. vermivorus sarebbe simile in vita, a causa di un precedente
errata identificazione delle specie in seguito descritta come M. heterochromis. Recentemente abbiamo raccolto M. vermivorus
dalla località tipo e riconosciuto differenze di comportamento quando abbiamo confrontato a M. melanopterus o M.
heterochromis. Abbiamo quindi deciso di valutare ulteriormente queste tre specie dalla periferia del loro
rispettive distribuzioni in cui quella di M. vermivorus, che non è simpatrica sia con M. melanopterus o
M. heterochromis, a circa 12 km l'uno dall'altro da quella degli altri. Qui confermiamo la heterospecificity di questi
tre taxa.
Nel nostro continuo tentativo di determinare meglio le varie assemblaggi tra lago Malawi mbuna, abbiamo
proporre una diagnosi per Melanochromis, descrivere tre nuove specie, ri-valutare lo stato di M. vermivorus
e M. mellito, e dare una panoramica nomenclatorial delle specie che sono, o sono stati, collocati in questo genere.

Materiali e metodi
I pesci sono stati raccolti da in lago Malawi ( Fig . 1) gli autori da loro caccia in un po 'di monofilamento rete
Immersioni in subacquea. I pesci sono stati anestetizzati con olio di chiodi di garofano, conservato in formalina al 10% , e collocati nel 70 %
etanolo per la memorizzazione permanente . Tutti i conteggi e le misurazioni sono state fatte sul lato sinistro del pesce , con il
ad eccezione di conteggi Gill - Rastrello . Conti e misurazione seguono Barel et al . ( 1977) e Stauffer ( 1991; 1994)
con le seguenti eccezioni . profondità Testa stata misurata dalla sinfisi hyoid all'inizio della ( nonexpanded )
testa con un angolo di 90 ° rispetto all'asse del corpo orizzontale ( linea orizzontale attraverso la parte inferiore del
linea laterale ) . profondità del corpo è stata misurata dall'origine del quinto spina dorsale all'origine delle pinne pelviche .
La profondità pre - orbitale è stata misurata come la lunghezza della intersezione dell'osso lacrimale con una linea continuando il raggio dell'orbita e parallela al profilo del muso , sezionare l'osso lacrimale ( Eccles &
Trewavas 1989) . abbreviazioni istituzionali seguono Leviton et al . ( 1985) .

Immagine
FIGURA 1. Mappa del lago Malawi con località menzionate nel testo .

modelli di pigmentazione sono stati registrati nel settore, in territoriali e non territoriali maschi, femmine, e
giovani. I diversi modelli sono variabili in tutte le specie esaminate, e nelle descrizioni tale variazione è
registrati inserendo una barra tra i due colori tra cui il modello specifico varia, ad esempio, blu / bianco
è usato per indicare che il colore varia dal blu al bianco e comprende tonalità intermedie in alcuni
individui. L'angolo del blocco ethmo-vomerine è stata valutata in teschi preparate misurando l'angolo
tra il parasphenoid orizzontalmente allineati e una linea che biseca vomere (in vista laterale) in due uguali
metà.
40 · Zootaxa 2076 © 2009 Magnolia Press KONINGS-Dudin et al.
dati morfometrici sono stati analizzati utilizzando tranciato analisi delle componenti principali (SPCA), con il
matrice di covarianza scomposto (Humphries et al 1981;. Bookstein et al 1985.). i dati sono stati analizzati con meristici
analisi delle componenti principali (PCA), con la matrice di correlazione scomposto. Le differenze tra le specie erano
illustrata riportando le seconde componenti principali tranciati dei dati morfometrici contro la prima
componenti principali dei dati meristici (Stauffer & Hert 1992).

risultati
Abbiamo confrontato M. vermivorus, M. melanopterus, e heterochromis M. dalla periferia della loro distribuzione
dove sono a circa 12 km di distanza, vale a dire M. vermivorus da Nkhudzi heterochromis (Fig. 2a) e M. (Fig. 2b)
e M. melanopterus (Fig. 2c) da Thumbi East Island. I cluster poligoni minimi formati tracciando
PC1 dei dati meristici contro la SPC2 dei dati morfometrici per i tre taxa (Fig. 3) sono stati
significativamente differente (P <0.05, MANOVA). Le variabili che hanno avuto il più alto carico sul secondo principio
componenti dei dati morfometrici erano profondità guancia (0,24), dorsale posta a caudale ventrale (0,23), e muso
a pinna pelvica (0.20); mentre quelli con i più alti carichi sui componenti principali dei dati meristici
erano il numero di branchiospine su ceratobranchial esterna (0,23), le righe dei denti della mascella inferiore (0,23), e raggi pettorali
(0.23).
La differenza morfologica tra M. e M. vermivorus heterochromis si esprime al meglio nel
lunghezza della mascella inferiore rispetto alla lunghezza della testa. In M. vermivorus (Nkhudzi; n = 18 e Boadzulu Isola;
n = 22), la lunghezza mascella inferiore variava tra il 32,0-41,5% HL, e in M. heterochromis (Thumbi East Island;
n = 20), la gamma è stata 29,3-34,6% HL. La lunghezza della mandibola in una parte della serie del tipo di M. vermivorus
(Nkhudzi; n = 5) variava tra il 34,5 e il 36,0% HL. Bowers e Stauffer (1993) hanno confrontato M. heterochromis
(N = 184) con tutti i tipi di M. vermivorus (n = 20) e trovarono caratteri principalmente sovrapposte, anche se i due
Specie segregati totalmente in una analisi delle componenti principali. La lunghezza relativa della mascella inferiore non era
incluso nel loro studio.

Melanochromis vermivorus Trewavas 1935
(Fig. 2a; Table 1)
Melanochromis vermivorus Trewavas 1935:79


Il materiale non-Type esaminato. PSU 4550, 16, 53,0-76,0 mm SL e AMNH 246007, 2, 58,3-73,9 mm SL;
Malawi Lago Malawi: Nkudzi: 14 ° 9.772 'S, 35 ° 0.011' E, Konings e Stauffer, 10 ottobre 2004; PSU 4554,
22, 53,0-76,0 mm SL; Malawi Lago Malawi: Bo adzulu Isola: 14 ° 14.835 'S, 35 ° 8.572' E, e Stauffer
Konings, 21 ottobre Del 2004.
Diagnosi. Melanochromis vermivorus si distingue dai suoi congeneri che mostrano il contrario del Femminile
colorazione striscia, tranne M. melanopterus, dal colore giallo-bruno al marrone scuro terreno di colore (che è
Luminoso bianco crema al giallo nelle altre specie) e da M. melanopterus dalla larghezza interorbitale più grande
(18,5-25,5% contro il 16,6-20,6% HL) e da una testa più profonda (80,5-99,4% contro il 68,7-82,0% HL).
Descrizione. valori morfometrici e rapporti meristici compaiono nella tabella 1. In declassare la specie longate
(Media 32,5% BD SL), con corpo grande profondità a circa BASE quarta di spina dorsale. profilo dorsale Corpo
gradualmente curva a peduncolo caudale; Corpo profilo ventrale leggermente convesso anteriormente e gradualmente curva
BASE verso l'alto lungo della pinna anale. Dorsale profilo testa Tip retta tra muso e interorbitale, Fare 40-45 °
l'asse del corpo con l'angolo, quindi arrotondando dorsale origine della pinna; occhio (media 31,6% HL) più grande di profondità preorbital
e posizionate a metà anteriore della testa con orbita posteriore sdraiato sul margine o leggermente posteriore verticale
mediana della testa. Muso isognathous con lunghe mascelle e le labbra un po 'ispessita; Lower denti della mascella su in 3-4
Fila file esterni con file interne premolari e tricuspide. Denti della Bassa osso faringeo con ben distanziati
cuspide tagliente; Fila di denti posteriori leggermente ingrandita.

Immagine
esemplari conservati di : a. Melanochromis vermivorus da Nkhudzi (PSU 4550 , 69,5 millimetri SL ) ; b .
Melanochromis heterochromis da Thumbi East Island (PSU 4548 , 56,4 millimetri SL ) ; c . Melanochromis melanopterus da
Thumbi East Island (PSU 4547 , 62,6 millimetri SL ) ; d . la olotipo di Melanochromis mellito da Mumbo Island ( AMNH
35387 , SL 79,4 millimetri ) .


Colorazione. Allevamento maschi: Testa blu / nero con due, leggermente segnato bande interorbitale luce blu scuro;
TABELLA 1. (segue)
Melanochromis vermivorus media Nkhudzi Campo di Boadzulu
scale pori inviare linea laterale 02-05 aprile 2-7
Scale fila guancia 1-05 maggio 3-7
1 ° Gillrakers ceratobranchial 9-10 Ottobre 9-12
Gillrakers 1 ° epibranchial 3 marzo 03-4
Denti esterno sinistro mascella inferiore 09-12 Dicembre 8-14
Denti fila mascella superiore 03-04 Marzo 2-4
filari denti inferiori mascella 03-04 marzo 2-4
44 · Zootaxa 2076 © 2009 Magnolia Press KONINGS-Dudin et al.
guancia e regione triangolare blu / nero; nuca grigio / blu. Corpo blu scuro / nero con striscia distinta midlateral blu
e striscia dorso-laterale blu meno distinte; dorso grigio / blu sovrapposta con macchie nere irregolari; caudale
peduncolo blu / nero con striscia midlateral blu scuro; pancia e seno blu scuro / nero. Dorsale azzurro pinna
con lembi azzurri. Pinna caudale blu / membrane nero scuro e raggi di luce-blu; stretta finale gialla
bordo. Anal Black Fin, con 1-4 arancione / giallo e ocelli luce bordo blu ventrale. pinne pelviche nere con la luce
margine di leader azzurro. Le pinne pettorali con raggi grigio / nero e membrane chiare.
Le femmine: testa gialla marrone / scuro con grigio regione triangolare / marrone. Corpo marrone giallo / marrone scuro
con midlateral nero e la banda dorso-laterale. Dorsale, caudale, e le pinne anali grigio / marrone con ampio giallo /
luce bordo d'uscita marrone. pinne pelviche marrone con stretto bianco / margine leader azzurro. pinne pettorali con
raggi marrone e membrane di colore giallo-marrone.

Distribuzione del campo e osservazioni . Melanochromis vermivorus è un evento raro nella bassa ( < 5
m di profondità ) habitat intermedia a Nkhudzi , Mphande , e le isole Boadzulu , ma anche , ancora meno comuni , a
livelli più profondi ( 10-15 m ) a Makokola Reef ( Fig . 1) . I maschi in allevamento colorazione sono rari , e nessuno
sono stati visti che ha difeso un territorio di allevamento . La specie è attratto da sedimento disturbato e sembrava
hanno un comportamento alimentare per lo più opportunistici ( analisi dello stomaco non sono stati effettuati ) . A questo proposito , è
assomiglia M. melanopterus con cui non è mai stato simpatriche nelle nostre osservazioni e le collezioni . la sua
la distribuzione si trova a sud di Kanchedza isola nel braccio sud-est del lago , e non è mai stato trovato
simpatrica con M. heterochromis


Melanochromis kaskazini new species
(Figs. 4, 7a; Table 2)
Melanochromis sp. “Northern” Spreinat 1994
Melanochromis sp. ‘northern blue’ Konings 1995


Olotipo. PSU 4546, 121,5 millimetri SL, di sesso maschile; Tanzania, Lago Malawi, Manda, 10 ° 27,623'S, 34 ° 34,355 'E,
Stauffer e Konings, 12 febbraio, 2005.
Paratipi. PSU 4545, 11, 69,6-104,2 mm SL, dati come per olotipo; AMNH 246004, 2, 75.2-99.8 mm
SL, stessi dati per olotipo; PSU 4544, 1, 74,0 millimetri SL, Tanzania, lago Malawi, Lundu: 10 ° 42,535 'S, 34 °
39,002 'E, Stauffer e Konings, 25 gennaio, 2004; PSU 4556, 1, 67,3 millimetri SL, Tanzania, lago Malawi, Makonde,
9 ° 56,890 'S, 34 ° 27,301' E, Stauffer e Konings, 8 Feb. 2005; PSU 4543, 5, 53,5-80,8 mm SL, Tanzania,
Lago Malawi, Ngwazi, 10 ° 10,485 'S, 34 ° 32,928' E, Stauffer e Konings, 10 Feb. 2005.
Diagnosi. Melanochromis Kaskazini si distingue da tutti i congeneri eccetto M. lepidiadaptes per la sua
territoriale colorazione maschile, perché esibisce incompleta colorazione striscia maschio-femmina inverso. I maschi sono
blu cobalto e la mancanza di qualsiasi striscia mid-laterale o dorso-laterale di colore chiaro. Le femmine si distinguono dagli altri
Melanochromis, tranne M. parallelus, M. heterochromis, M. lepidiadaptes, M. melanopterus, e M.
simulans, da un colore corpo bianco, e differiscono da queste cinque specie da una pinna gialla / arancio anale, che è bianco
con una banda nera submarginale negli altri. Maschio M. Kaskazini con allevamento colorazione si distinguono
da quelle di M. lepidiadaptes da un preorbital meno profonda (21,9% vs. 31,8% HL; gamme: 19,3-26,9 vs.
26,9-35,6), una testa più lunga (34,9% vs. 31,9% SL; gamme: 33,6-37,8 vs. 28,4-36,4), una più breve testa post-orbitale
lunghezza (42,4% vs. 47,8% HL; gamme: 38,4-44,6 vs. 41,8-52,1), e una mascella più bassa (40,3% vs. 36,8%
HL; gamme: (36,4-44,6 vs. 32,2-40,1).
Descrizione. rapporti morfometrici e valori meristici compaiono nella tabella 2. specie a forma di mandrino (media
BD 31,2% SL), con maggior profondità il corpo a circa base della quarta spina dorsale. Dorsale profilo corpo leggermente
convessa anteriormente e sempre più curva verso il basso lungo base della pinna dorsale morbida per caudale peduncolo; ventrale
profilo corpo gradualmente curvatura verso l'alto per peduncolo caudale. Dorsale profilo testa dritta tra la punta del muso e
interorbitale, rendendo 36-41 angolo ° con l'asse del corpo e spesso interrotto da lieve rigonfiamento a punta di premascellare
pedicel, poi arrotondamento al dorsale origine della pinna; occhio piccolo (media 26,6% HL), più piccolo di profondità preorbital e posizionata a metà anteriore della testa con margine posteriore orbita , che sulla mediana verticale della testa . muso lungo
con ampie , mascelle isognathous ; denti sulla mascella inferiore a 2-4 righe con anteriormost di fila esterna di grandi dimensioni , in modo disuguale
premolare e restanti denti ( laterali ) unicuspid ; denti fila interna piccola , inegualmente tricuspide tendente al
unicuspid in individui più grandi; ampio divario tra fila esterna e file interne . Denti di bassa osso faringeo
ben distanziati con cuspide tagliente ; denti di fila posteriore allargata . Labbra ispessite e nascondono la maggior parte dei denti orali
solo con grandi punte dei denti fila esterna visibili , quando la bocca aperta .

Immagine
Melanochromis Kaskazini , olotipo , PSU 4546 , 121,5 millimetri SL , di sesso maschile ; Manda, Lago Malawi , Tanzania .

Pinna dorsale con XVI-XVIII (modalità XVII) spine e 8-10 (modalità 9) raggi molli. pinna anale con III e spine
7 o 8 (modalità 8) raggi molli. Primi 6-8 spine dorsali aumenta gradualmente in lunghezza posteriormente prima spina meno
di 1/3 lunghezza della ottava colonna vertebrale; ultimi 10 spine leggermente in aumento in lunghezza posteriormente allo scorso spina dorsale più lunga;
dorsale molle con arrotondato o subacuminate punta, quarto o quinto raggio più lungo, non o su come raggiungere base della caudale
fin. spine anali progressivamente crescenti di lunghezza posteriormente; quinto raggio più lungo, non raggiungendo base della caudale
fin. Caudal subtruncate pinna emarginate. pinna pelvica non raggiungendo pinna anale nelle femmine; raggiungendo prima spina anale
nei maschi. pinna pettorale arrotondato, paddle-forma, insomma, raggiungendo verticale attraverso la base di 10 o 11 spina dorsale.
Fianco scale di grandi dimensioni, ctenoid; differenza brusco a piccole scaglie sul petto e del ventre; guancia con 2-7 (media 4)
file di piccole scaglie. ramo superiore della linea laterale con 20-24 pori scale; inferiore ramo 9-11. Piccole scale su
margine prossimale della pinna dorsale e la metà prossimale della pinna caudale.
Colorazione. Allevamento maschi: la testa e il corpo blu ciano. Dorsale blu ciano pinne con pale margine distale blu
e lembi bianchi. blu ciano pinna caudale con pallido banda submarginal blu e stretto margine distale giallo.
Pinna anale grigio / blu con luce margine distale azzurro e 3-5 piccoli ocelli giallo. pinne pelviche grigio / blu con il bianco /
luce margine leader azzurro. Pinne pettorali con raggi di luce-colore grigio e membrane chiare. Quando nel pieno allevamento
a colori, Maschi con il colore blu, che nasconde larghe strisce nere di maschi subordinati.
Le femmine: crema testa bianca con riflessi blu e due bande interorbitale nere su muso; regione triangolare
bianco. Crema per il corpo bianco con riflessi blu e larghe (2 fondo scala) nero a metà laterale e dorso-laterale
strisce; fianco superiore scale con margini azzurro; pancia e seno off-white. Dorsale grigio FIN / bianco con
banda stretta submarginal bianco e lembi bianchi con punte gialle; banda nera prossimale sulla base di dorso-fin
continua con la banda dorso-laterale. Pinna caudale bluastro bianco con macchia nera alla base, largo nero submarginale
banda e giallo margine / arancio. Anal grigio fin prossimale e arancione / giallo distale. pinne pelviche chiaro / grigio
con soffusione gialla distale e con un margine di primo piano bianco e fascia submarginale grigio. pinne pettorali con
grigio / giallo raggi e membrane chiare.

osservazioni sul campo. Melanochromis Kaskazini vaga per l'habitat intermedio caccia più grande
invertebrati e piccoli pesci. Nella maggior parte delle località, si incontrano individui generalmente solitari, ma a
Makonde e Manda gruppi piccoli di foraggiamento sono spesso visti, in particolare quando subacquei mescolare detriti
a cui i predatori sono attratti. La maggior parte dei gruppi di foraggiamento sono composti da diversi maschi in diversi gradi di sessuale
la maturità di solito con un unico grande maschio in pieno di colore blu. maschi territoriali o corteggiamento non sono stati
osservato. Melanochromis Kaskazini è più spesso visto a profondità variabili tra 5-40 m.
Distribuzione. Melanochromis Kaskazini è verificato lungo la costa nord-orientale tra Nkanda
(9 ° 33,352 'S, 34 ° 6.479' E) e Lundu (10 ° 42,535 'S, 34 ° 39,002' E) (Fig. 1). Lundu sembra essere la
il margine meridionale nella distribuzione delle altre specie. Abbiamo trovato nessuna barriera apparente in
parte più settentrionale della sua distribuzione che spiegherebbe il motivo per cui non è stata trovata a nord di Nkanda. Un altro
specie predatrici di Melanochromis, una forma non descritta indicati come Melanochromis 'blu' per Ribbink et
al. (1983), si verifica a nord di Nkanda. La densità della popolazione di M. Kaskazini è superiore a Makonde e Manda
che in altre località conosciute.
Etimologia. La specifica Kaskazini appellativo significa "nord" in Kiswahili, la lingua parlata lungo la
rive della distribuzione della specie


Melanochromis wochepa new species
(Figs. 5, 7b; Table 3)
Melanochromis dialeptos (part) Konings 2001


Olotipo. PSU 4553, 62,5 millimetri SL, di sesso maschile; Mozambico, Lago Malawi, Lumessi, 13 ° 8.229 'S, 34 ° 47,848' E,
Stauffer e Konings, 14 Feb 2002.
Paratipi. PSU 4551, 17, 41,7-65,1 mm SL, dati come per olotipo; AMNH 246006, 2, 58,6-62,0 mm SL,
dati come per olotipo.
Diagnosi. Melanochromis wochepa si distingue dai suoi congeneri, ad eccezione di M. auratus, dialeptos M.,
e M. mossambiquensis, da un vomere più ripida rettangolo (72-80 ° vs 35-53 °). Si distingue da M. auratus,
dialeptos M., e M. mossambiquensis da parte del modello maschile di colorazione, che è di colore blu senza strisce bianche e
che è marrone / nero con strisce gialle e blu pallido nei maschi delle altre specie. Femmina M. wochepa sono
distinto da M. auratus da una fascia dorsale submarginale che è più larga della metà laterale e la dorsolaterale
banda. Le strisce gialle addominali a femmina M. wochepa sono sottili e mai coprire l'intera bassa
addome, mentre quelli in femmina M. auratus solito coprono tutta la metà inferiore del corpo. M. wochepa è
ulteriormente distinto da M. dialeptos da una testa più lungo (30,2-33,3 vs. 29,8-31,4% SL), un corpo più profondo
(30,2-34,7 vs. 26,8-31,8% SL), con una maggiore distanza tra la dorsale posteriore e della pinna pelvica (53,3-59,8%
vs. 49,8-55,8% SL), da una aletta più pectoral (22,8-33,0% vs. 19,5-24,3% SL), e più raggi dorsali pinna
TABELLA 2 (continua)
Melanochromis Kaskazini olotipo significare gamma
Linea laterale in scala 33 33 32-34
scale pori inviare linea laterale 4 marzo 2-04
Scala fila guancia 4 aprile 02-7
Gillrakers 1 ° ceratobranchial 10 ottobre 08-11
Gillrakers 1 ° epibranchial 3 2-04 MARZO
Denti esterno sinistro mascella inferiore 12 Novembre 10-16
Denti fila mascella superiore 5 2-05 aprile
filari denti inferiori mascella 3 marzo 02-04
48 · Zootaxa 2076 © 2009 Magnolia Press KONINGS-Dudin et al.
(7-10 (modalità 9) vs. 7-9 (modalità 7)). Si distingue inoltre da M. mossambiquensis da un corpo più profondo
espresso in una maggiore distanza tra le origini della dorsale e pinne anali (49,6-54,5% vs. 47,1-50,8%
SL) e una maggiore distanza tra le origini della dorsale e pinne pelviche (30,1-36,4% contro il 27,6-33,4% SL),
e da una mascella più corta inferiore (26,7-32,5% contro il 29,0-41,5% HL).

Immagine
Melanochromis calore, olotipo , PSU 4553 , 62,5 millimetri SL , di sesso maschile ; Lumessi , Lago Malawi, Mozambico .

Descrizione. rapporti morfometrici e valori meristici appaiono nella Tabella 3. Piccolo, specie oblunghe (media BD
33,2% SL), con maggior profondità il corpo a circa base della terza spina dorsale. profilo dorsale del corpo gradualmente curva
verso il basso per peduncolo caudale; profilo ventrale del corpo leggermente convesso fra pinne pelviche e sfogare poi si assottiglia
verso l'alto lungo base della pinna anale al peduncolo caudale. Dorsale profilo testa arrotondata, curva quasi continuamente
tra la punta del muso e dorsale origine della pinna; occhio (media 33,9% HL) più grande di profondità preorbital e posizionato
interamente nella metà anteriore della testa; ripida, muso arrotondato e le mascelle leggermente retrognathous; bande denti larghi con
6-9 righe in mascella inferiore e superiore con i denti in file esterne premolari e denti in fila interna tricuspide.
Pinna dorsale con XVII-XIX (modalità XVIII) spine e 7-10 (modalità 9) raggi molli. pinna anale con III e spine
7 o 8 (modalità 7) raggi molli. Primi 3 o 4 spine dorsali aumenta gradualmente in lunghezza posteriormente prima spina
meno di ½ lunghezza della quarta colonna vertebrale; ultimi 14 spine in leggero aumento in lunghezza posteriormente allo scorso colonna vertebrale
più lunga; dorsale molle con arrotondati (femmine) o subacuminate (maschi) punta, terzo o quarto raggio più lungo, non
raggiungendo nelle femmine e su come raggiungere base della pinna caudale nei maschi. spine anali progressivamente crescente in
lunghezza posteriormente; terzo o quarto raggio più lungo, non raggiungendo (nelle femmine) o semplicemente raggiungere (maschi) base della caudale
fin. Caudal subtruncate pinna emarginate. pinna pelvica non raggiungendo pinna anale nelle femmine; raggiungendo prima spina anale
nei maschi. Pinna pettorale arrotondato, paddle-forma, insomma, raggiungendo verticale attraverso 10 ° base o 11 spina dorsale.
Fianco scale di grandi dimensioni, ctenoid; differenza brusco a piccole squame sul petto; guancia con 4-7 (media 5) righe di
piccole scale. ramo superiore della linea laterale con 22-27 pori scale; inferiore ramo 9-13. Piccole scale su
margini posteriori prossimali delle pinne dorsali e anali e sulla metà prossimale della pinna caudale.
Colorazione. Allevamento maschi: la testa blu; muso grigio / blu, con due bande interorbitale grigio scuro / blu; postorbitale
testa con pochi bianche / macchie d'oro dietro gli occhi. Corpo blu con a volte tenue azzurro midlateral
banda; peduncolo caudale blu; pancia e seno blu / grigio-blu. Pinna dorsale grigio / blu con il bianco / azzurro
margine e lembi di colore giallo. blu pinna caudale con i raggi celesti e membrane distali gialle. blu pinna anale
con fascia submarginal bianco e il margine distale azzurro; 1-3 ocelli gialli in finale parte. pinne pelviche nero /
blu scuro con un margine leader azzurro. pinne pettorali con raggi grigi e membrane chiare.
Femmine: testa grigio / giallo con grigio / bianco regione triangolare e macchie gialle irregolari, muso con due
bande nere interorbitale. Corpo grigio / bianco con stretto midlateral bianco e dorso-laterale strisce, irregolare arancione / striscia gialla tra queste due strisce; grigio / marrone banda irregolare lungo di base pinna dorsale. Pinna dorsale
bianco / giallo chiaro con banda larga submarginale bianco e lembi di colore giallo, banda irregolare / grigio marrone
prossimale. pinna caudale con pattern irregolare di colore giallo, nero e azzurro pallido marcature in tutto. pinna anale
bianco / azzurro chiaro con il giallo margine distale e pigmento nero sulla parte anteriore; 1 o 2 ocelli gialli in finale
parte. pinne pelviche giallo con macchie nere, stretto margine di primo piano bianco. pinne pettorali chiari con i raggi grigi.
Distribuzione. Melanochromis wochepa è limitato alla costa orientale tra Nkhungu Point (12 °
58.849 'S, 34 ° 45,814' E) e il fiume Lumessi (13 ° 8,987 'S, 34 ° 47,893' E) in Mozambico (Fig. 1).
osservazioni sul campo. preferenza e il comportamento di M. wochepa habitat è simile a quelle di M. auratus e
M. dialeptos. Essa si verifica in habitat rocciosi superficiale e è visto soprattutto solitari, anche se non è una rara
aspetto. I maschi in allevamento colorazione non difendono un territorio, ma visualizza tra maschi sono frequenti
ma di breve durata. Melanochromis wochepa nutre principalmente dalle aufwuchs sulle rocce da cui
raccoglie filamenti di alghe e diatomee.
Etimologia. L'epiteto specifico, un sostantivo in apposizione, deriva dal Chinyanja, la lingua locale
intorno al lago, e significa "piccolo", riferendosi alla piccola dimensione adulta di questa specie.


Melanochromis mossambiquensis nuove specie
( Figg 6 , 7c ; . Tabella 4 )
Melanochromis sp . " Auratus allungato " Konings 1995


Olotipo. PSU 4555, 76,1 millimetri SL, di sesso maschile; Mozambico, Lago Malawi, Minosse Reef, 12 ° 53,213 'S, 34 °
45,013 'E, Stauffer e Konings, 15 Feb 2002.
Paratipi. PSU 4552, 17, 49,4-74,9 mm SL, dati come per olotipo; AMNH 246008, 2, 50,8-63,4 mm SL,
dati come per olotipo.
Diagnosi. Melanochromis mossambiquensis si distingue dai suoi congeneri, ad eccezione di M. auratus, M.
dialeptos, e M. wochepa, da parte di un vomere ripido rettangolo (72-80 ° vs 35-53 °). Si distingue da M.
auratus da un mid-laterale e una striscia nera dorso-laterale che è più stretta la banda nera in submarginale
la pinna dorsale, mentre in M. auratus la striscia dorsale submarginal è più stretta rispetto a quelli sul fianco. il
strisce gialle addominali a M. mossambiquensis sono sottili e non coprono l'intero basso addome come
fare in M. auratus. Il lobo inferiore della pinna caudale contiene macchie nere mentre quello della femmina M. auratus è
giallo senza macchie nere. Maschio M. mossambiquensis si distinguono da quelli di M. auratus dal
la mancanza di una stretta striscia gialla, metà-laterale. Maschio M. mossambiquensis si distinguono da quelli di M.
wochepa da un ente / nero marrone con striature dorso-laterale e metà laterali bianche mentre quella del maschio M.
wochepa è blu senza strisce. M. mossambiquensis si distingue da M. wochepa da un organismo meno profonda
come espresso in una distanza più breve tra le origini della dorsale e pinna anale (47,1-50,8% contro il 49,6-54,5%
SL) e una distanza più breve tra le origini della dorsale e pinne pelviche (27,6-33,4% contro il 30,1-36,4% SL),
e da una mascella più bassa (29,0-41,5% contro il 26,7-32,5% HL). Si distingue dal M. dialeptos da una più allungare corpo come espresso in una maggiore distanza tra la dorsale posteriore e l'origine della pinna pelvica
( 52,9-60,7 % contro il 49,8-55,8 % SL ) , un muso più lungo ( 29,2-40,3 % contro il 25,9-35,2 % HL ) , e da un minor numero di righe di
scale sulla guancia ( 3 o 4 vs 4-7 ) .

Immagine
Melanochromis mossambiquensis , olotipo , PSU 4555 , 76,1 millimetri SL , di sesso maschile ; Minosse Reef , Lago Malawi ,
Mozambico.


Descrizione. rapporti morfometrici e valori meristici compaiono nella tabella 4. Piccolo, un po 'allungare
Specie (media BD 30,9% SL) con la massima profondità di corpo alla base della terza o quarta spina dorsale. dorsale del corpo
profilo gradualmente curva verso il basso per peduncolo caudale; profilo ventrale del corpo sempre più si assottiglia verso l'alto per
peduncolo caudale. Dorsale profilo testa arrotondata, curvando quasi continuamente tra la punta del muso e pinna dorsale
origine; occhio (media 32,1% HL) più grande di profondità preorbital e posizionato interamente in metà anteriore della testa;
moderatamente ripidi, muso e le mascelle leggermente retrognathous arrotondata; denti ganasce inferiori e superiori a 3-6 righe,
con quelle degli ordini esterni premolare e quelli di righe interna tricuspide. Denti di bassa osso faringeo strettamente
imballato con nessuno ingrandita o arrotondati. Vomer in unico esemplare (Nkhungu Reef) a 72 ° con parasphenoid.
Pinna dorsale con XVII-XIX (modalità XVIII) spine e 7-9 (modalità 8) raggi molli. pinna anale con III e spine
6-8 (modalità 7) raggi molli. Primi 4-6 spine dorsali aumenta gradualmente in lunghezza posteriormente prima spina meno
di ½ lunghezza della sesta colonna vertebrale; ultimi 12 spine leggermente in aumento in lunghezza posteriormente allo scorso spina dorsale più lunga; morbido
dorsale con punta arrotondata, quarto raggio più lungo, non o su come raggiungere base della pinna caudale. spine anali progressivamente
aumento di lunghezza posteriormente; quarto o quinto raggio più lungo, non raggiungendo base della pinna caudale. pinna caudale
subtruncate a emarginate. pinna pelvica non raggiungendo pinna anale. Pinna pettorale arrotondato, paddle-forma, insomma,
raggiungendo base attraverso verticale di 10 ° o 11 ° spina dorsale.
Fianco scale di grandi dimensioni, ctenoid; differenza brusco a scale sottili sul petto; guancia con 3 o 4 (media 3) file di
piccole scale. ramo superiore della linea laterale con 21-28 pori scale; inferiore ramo 8-14. Piccole scale su
margini posteriori prossimali delle pinne dorsali e anali e sulla metà prossimale della pinna caudale.
Colorazione. maschi di allevamento: testa blu scuro / nero; muso blu scuro / grigio con alcuni individui con paleblue
interorbitale banda; testa post-orbitale con banda orizzontale blu pallido dietro occhio al bordo della copertura Gill. Corpo
blu scuro / nero con strisce blu pallido dorso-laterale e midlateral; area sopra striscia dorso-laterale blu scuro /
nero con riflessi di luce blu; caudale peduncolo blu scuro / nero con striscia pallida midlateral blu, parte superiore
con riflessi blu pallido; pancia e seno blu scuro / nero. Dorsale azzurro pinna blu scuro / nero prossimale
banda e il margine distale gialla, più largo nella parte finale. Pinna caudale blu scuro / nero con raggi pallido e blu
giallo margine distale. Anal Black Fin, con 1 o 2 arancione / giallo ocelli e pallido bordo blu ventrale. pinne pelviche
nero con bianco / margine leader azzurro. pinne pettorali con raggi grigio scuro e membrane chiare.
Femmine: testa grigio / giallo con grigio / bianco regione triangolare e arancione irregolare / macchie gialle, muso con
due bande nere interorbitale. Corpo grigio / bianco con stretto midlateral bianco e dorso-laterale strisce, irregolare
arancione / giallo striscia tra due bande; grigio / marrone banda irregolare di sotto della base della pinna dorsale; 2-4 irregolare
strisce gialle su addome. Grigio-giallo pinna dorsale con banda larga submarginale nero bordato di stretta
strisce bianche, gialle e lembi poche macchie nere in finale parte. pinna caudale chiaro con molti giallo, nero,
e le marcature pallido blu in tutto; lobo inferiore con un margine di colore giallo. Anal pinna gialla con pale prossimale blu
band e pigmento nero sulla parte anteriore. pinne pelviche gialle con stretto margine di primo piano bianco e, in qualche
individui, indistinto fascia grigia anteriormente. Pinne pettorali chiaro.
Distribuzione. Melanochromis mossambiquensis si verifica tra Chuanga (12 ° 38,278 'S, 34 ° 47,264' E)
e Nkhungu Reef (12 ° 57,434 'S, 34 ° 45,498' E) in Mozambico (Fig. 1). Le popolazioni hanno osservato, ma
Non raccolti-at Metangula e N'kolongwe (Fig. 1) sembra consistere delle persone fisiche con musi lunghi e
corpi meno profonde.
osservazioni sul campo. Melanochromis mossambiquensis è molto comune a Minos Reef (località tipo) e
spesso raccoglie in gruppi di foraggiamento alimentazione dalle aufwuchs delle piccole rocce della sostanza intermedia (sabbia-rock
Interfaccia) habitat. I maschi in allevamento colorazione sono normalmente solitari e raramente si uniscono ai gruppi di foraggiamento.
La territorialità è rara, ma liti tra i maschi in allevamento colorazione sono comuni e sono costituiti principalmente da
a caccia di un concorrente dal sito di alimentazione.
Etimologia. L'epiteto specifico si riferisce alla distribuzione limitata della specie lungo la riva del Mozambico
del lago.

Discussione
Tawil (2002) fornisce una diagnosi estesa di Melanochromis per cui vi proponiamo alcuni aggiustamenti. Il suo
primo carattere diagnostico riferisce più importante distinzione tra Melanochromis e altri mbuna
generi: una colorazione contrastante giovanile composto da 2 o 3 fasce orizzontali neri su uno sfondo chiaro, la
bande a volte possono essere frammentati. La banda inferiore è sempre midlateral, e la band (s) dorso-laterale sono
a volte assente o si trova vicino alla pinna dorsale. Nelle nostre osservazioni di individui selvatici band midlateral è
mai frammentato nei giovani, e la metà posteriore della banda può diventare frammentata nelle femmine di M.
brevis soltanto. Perciò si propone di migliorare il primo e più importante di carattere diagnostico
Melanochromis come segue: un modello melanina base costituiti da due strisce laterali orizzontali nere su
sfondo chiaro; la striscia mid-laterale, che è sempre solida in apparenza, a cavallo del braccio inferiore della
sistema della linea laterale, e la striscia dorso-laterale, che può essere frammentato, si trova tra la base della pinna dorsale, e
la metà-laterale striscia. Il, mid-laterale striscia solido è spesso più ampia, circa 2-3 scale, rispetto al dorsolaterale
uno che è 1-2 scale ampia.
Il secondo carattere diagnostico si riferisce allo storno in modello di colore nei maschi di allevamento: in molte specie
vi è una ridistribuzione delle aree melaniche (inversione) in individui dominanti (maschi e, forse, vecchio
femmine) (Tawil 2002). Nelle specie tipo e in altre 11 specie, il modello di base, sempre visibile nei giovani e le femmine , diventa invertiti nei maschi adulti , vale a dire l'intero corpo del primo maschio allevamento diventa ( molto )
blu scuro , marrone , o in bianco e , in secondo luogo, la posizione delle due strisce nere ci sono poi due luce-Strisce bianche-solidi colorati, gialli o blu. Questo modello pigmentazione rovesciata legata al sesso è unico tra
ciclidi Malawi. In tre specie, M. lepidiadaptes, M. wochepa, e in M. Kaskazini, questa inversione è
incompleta. Il modello di base melanina è presente nelle femmine e giovani, ma nella colorazione riproduttori maschi,
che è interamente celeste per tutte e tre le specie, il colore di sfondo diventa più scuro (azzurro), e il nero
strisce scompaiono, anche se questi non vengono convertiti in un colore a contrasto più chiaro.
(2002) gli altri caratteri diagnostici di Tawil includono una allungata, cilindrica sub-morfologia, un muso lungo,
e una grande bocca che suggerisce uno stile di vita predatorio; territorialità debole, ma con un alto intraspecifica
intolleranza; propensione della ritenzione prolungata di avannotti in bocca, più lungo di quello è il caso con i membri
di Pseudotropheus. Queste ultime due caratteristiche sono utili attributi distintivi quando si lavora con vivo
individui, ma vogliamo rimuovere una morfologia predatore dalla diagnosi come diversi membri, M.
auratus, M. dialeptos, M. wochepa, e M. mossambiquensis, non hanno né morfologie sub-cilindrica né
propensioni predatori.La caratteristica principale che delimita M. melanopterus da M. heterochromis è la lunghezza del basso
mascella in relazione alla testa di lunghezza, che è 37,2-41,7% HL in M. melanopterus (Thumbi Est; n = 20) e
29,3-34,6% HL in M. heterochromis (Thumbi Oriente; n = 20). I singoli tipo esemplare di M. mellito (Fig. 2d)
ha una lunghezza mascella inferiore del 39,4% HL e quindi rientra nella gamma di M. melanopterus. E 'quanto riferito da
Mumbo Island e privo di qualsiasi strisce orizzontali sul fianco, nello stato conservato, che è comune per
femmine conservati di M. melanopterus. La sua colorazione dal vivo è stato segnalato come giallo con strisce (Johnson 1976),
e tali individui sono stati osservati in Mumbo Island (scambiato per M. vermivorus in Konings 2001).
Quegli individui, tuttavia, erano molto sottili, e siamo convinti che rappresentano i giovani maschi di
M. melanopterus nel processo di acquisizione colorazione allevamento. La profondità corpo del tipo di M. mellito
è 27,8% SL che rientra nella gamma di M. melanopterus (Thumbi East Island (n = 20): 27,1-32,0% SL) piuttosto
che in quello di M. heterochromis (Thumbi East Island (n = 20): 31,9-36,1% SL). Questi tre personaggi chiave di
M. mellito, a nostro avviso, dimostrare che è conspecifici con M. melanopterus, e, quindi, M. mellito è una
sinonimo junior.
Senza molto dubbio si può affermare che il M. melanopterus e M. vermivorus sono specie strettamente correlate,
e ad un certo punto si potrebbe anche sostenere che questi due sono semplici varianti geografiche di una singola specie.
Osservando queste due forme nel campo, tuttavia, supporta la premessa che sono heterospecific. il
differenza di preferenza habitat è più pronunciato nelle loro distribuzioni di profondità: M. melanopterus a Thumbi
East Island avviene ad una parte molto più profondo del nell'habitat rupestre (la più alta densità di popolazione di solito a circa 20
m) di M. vermivorus a Nkhudzi o Boadzulu Island (più alta densità di profondità inferiore a 10 m). È probabile
che la presenza di M. heterochromis ha influenzato la preferenza habitat di M. melanopterus a Thumbi
East Island, perché la prima specie è normalmente si trovano in acque molto basse, e la sua distribuzione di profondità
difficilmente si sovrappone a quella di M. melanopterus. Melanochromis heterochromis è principalmente un erbivoro
Specie mentre M. melanopterus è un mbuna predatorio (che ha anche mascelle molto più grandi). D'altra parte, M.
vermivorus non condivide il suo habitat con M. heterochromis e può quindi subire meno foraggiamento concorrenza
le regioni superiori più ricche del habitat rocciosi e / o impiegano un più ampio spettro di strategie di alimentazione. Per questi
ragioni crediamo che ragionevole considerare questi due taxa come heterospecific.Lungo la riva del Mozambico del lago, una situazione simile si trova tra M. e M. mossambiquensis
dialeptos; le differenze morfologiche tra questi due taxa potrebbero pure essere attribuite a geografica
la variazione all'interno di una singola specie, anche se con una distribuzione disgiunta. Il comportamento alimentare e l'habitat
preferenza di M. dialeptos è molto più vicino a M. wochepa in quanto è limitato a nell'habitat rupestre poco profondo e
sembra nutrirsi quasi esclusivamente su aufwuchs, mentre M. mossambiquensis avviene su una profondità molto più grande
la distribuzione e impiega uno spettro più ampio di alimentazione. Anche qui, noi crediamo che la preferenza di habitat e
alimentando regime di M. dialeptos e M. wochepa sono influenzati dalla presenza di M. simulans, un altro,
apparentemente strettamente correlati (in base alla colorazione) e membro predatori del genere. Quest'ultimo è simpatrica
con M. dialeptos e M. wochepa-anche se ad un livello molto più profondo dell 'habitat, ma che non si trova
all'interno della distribuzione di M. mossambiquensis. Per queste ragioni consideriamo M. mossambiquensis
heterospecific da M. dialeptos.

Immagine
7. a. Un maschio non territoriale Melanochromis Kaskazini ( ca. 105 millimetri SL ) a Ngwazi , Lago Malawi ,
Tanzania; inserto : una femmina ( circa 65 millimetri SL . ) a Nkanda , Lago Malawi , Tanzania ; b . due maschi di Melanochromis
wochepa ( circa 60 millimetri SL . ) a Lumessi , Mozambico; inserto : una femmina ( circa 50 millimetri SL . ) alla stessa posizione ; c . un maschio
Melanochromis mossambiquensis ( circa 70 millimetri SL . ) A Minos Reef , Mozambico; inserto : una femmina ( . circa 55 millimetri SL )
a stessa posizione


Nella nostra valutazione della relazione tra M. Kaskazini e già descritto in specie predatrici
Melanochromis, abbiamo scoperto che la forma precedentemente descritta come Melanochromis Benetos Bowers e
Stauffer 1997 è congruente con una specie erbivore che è stato indicato come Pseudotropheus sp.
'Tursiops chitande' (Konings 2001). Anche se le femmine di questa specie presentano due strisce longitudinali sulla
fianchi, la natura di queste strisce-file di piccole macchie-è incompatibile con la diagnosi di Melanochromis.
Anche se il suo muso lungo potrebbe indicare un regime più predatrice e quindi assomigliano i membri predatori di
Melanochromis, Pseudotropheus Benetos è un browser di alghe, che si trova soprattutto nella roccia superiore
habitat nella parte settentrionale del lago.
La distinzione iniziale tra Melanochromis e Pseudotropheus relativi alla dimensione e configurazione
della faringe denti (Trewavas 1935) non è più considerata una diagnostica di funzionalità, infatti, alcuna distinzione
potrebbe essere trovato tra le ganasce faringee delle specie tipo del genere sia (Trewavas 1984). Un altro
caratteristica relativa alla disposizione dei denti orali in bande a forma di U ed esteso su ciascun lato da un
sola fila di denti unicuspid (Trewavas 1984), è condiviso con molti membri del Pseudotropheus e quindi ha
alcun valore diagnostico. E 'stato indicato come una caratteristica del Melanochromis da Trewavas (1984), ma mai
specificamente considerata come una funzione diagnostica. Consideriamo il modello di melanina base una delle importanti
caratteristiche in classificando ciclidi Malawi, e specie di Melanochromis hanno un modello unico che
è incompleto in alcuni invertita nei maschi adulti. Sin dalla nascita del genere molti lavoratori hanno
suggerito classificazioni alternative per i propri membri (Tabella 5), ​​e nel corso del tempo la diagnosi è stata migliorata
e raffinata, ma, attualmente, abbiamo ancora per quanto riguarda sia Melanochromis e Pseudotropheus come polifiletico
Immagine


Avatar utente
Stefano
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12411
Iscritto il: 10/04/2014, 23:33
Reputation: 380
Località: ROMA
Cosa allevi: MALAWI
Allevo pesci dal: 1995
Contatta:

Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

Messaggioda Stefano » 11/02/2016, 17:54

Ecco mo si ragiona !! Il Malawi è musica x i miei occhi !!
Me lo sono letto come un bimbo che legge un libro di Topolino !!


Ottimo Articolo...grazie Antonio x l'impegno che metti x questi articoli.

Ciao...Stefano
L'Acquariofilia e' una passione e le passioni bisogna coltivarle !!!


Avatar utente
Nico
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3926
Iscritto il: 17/04/2014, 6:49
Reputation: 47
Località: Tivoli (RM)
Cosa allevi: MALAWI
Allevo pesci dal: 2008

Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

Messaggioda Nico » 11/02/2016, 22:05

Ti fai desiderare, ma quando torni tiri fuori queste perle!
Grazie
Nico


Avatar utente
Antonio87
Utente
Utente
Messaggi: 396
Iscritto il: 08/05/2014, 13:44
Reputation: 13
Cosa allevi: N/D
Allevo pesci dal: N/D

Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

Messaggioda Antonio87 » 11/02/2016, 22:17

Nico ha scritto:Qr Bbpost Ti fai desiderare, ma quando torni tiri fuori queste perle!
Grazie

Grazie nico,si mi faccio desiderare...ehehehhee ma sto traducendo dei belli ed interessati articoli,da come hai potuto vedere
Immagine


Avatar utente
Nico
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3926
Iscritto il: 17/04/2014, 6:49
Reputation: 47
Località: Tivoli (RM)
Cosa allevi: MALAWI
Allevo pesci dal: 2008

Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

Messaggioda Nico » 11/02/2016, 22:52

Antonio87 ha scritto:Grazie nico,si mi faccio desiderare...ehehehhee ma sto traducendo dei belli ed interessati articoli,da come hai potuto vedere

Lo so lo so che stai lavorando per noi!
Nico


Avatar utente
AULO73
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2236
Iscritto il: 18/04/2014, 13:05
Reputation: 88
Località: Mormanno CS
Cosa allevi: MALAWI
Allevo pesci dal: 1993

Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

Messaggioda AULO73 » 12/02/2016, 8:34

Grazie Antonio x la condivisione di questo bell'articolo!
LUIGI


Avatar utente
Antonio87
Utente
Utente
Messaggi: 396
Iscritto il: 08/05/2014, 13:44
Reputation: 13
Cosa allevi: N/D
Allevo pesci dal: N/D

Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

Messaggioda Antonio87 » 12/02/2016, 9:10

Prego ragazzi,si in un certo senso nico,sto lavorando x voi,Stefano gia mi ha mandato in parte il 50% dell'assegno che mi aveva promesso hehehehee.
Luigi di nulla,ho inserito anche un'altro articolo nel malawi e sicuramente ne arriveranno di altri.
Immagine


Avatar utente
Nico
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3926
Iscritto il: 17/04/2014, 6:49
Reputation: 47
Località: Tivoli (RM)
Cosa allevi: MALAWI
Allevo pesci dal: 2008

Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

Messaggioda Nico » 12/02/2016, 9:24

Antonio87 ha scritto:Prego ragazzi,si in un certo senso nico,sto lavorando x voi,Stefano gia mi ha mandato in parte il 50% dell'assegno che mi aveva promesso hehehehee.
.


Be è giusto incentivare gli utenti a scrivere
Nico


Avatar utente
Stefano
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12411
Iscritto il: 10/04/2014, 23:33
Reputation: 380
Località: ROMA
Cosa allevi: MALAWI
Allevo pesci dal: 1995
Contatta:

Le descrizioni di tre nuove specie di Melanochromis ed una ridescrizione di M. vermivorus

Messaggioda Stefano » 12/02/2016, 9:48

Antonio87 ha scritto:Qr Bbpost Stefano gia mi ha mandato in parte il 50% dell'assegno che mi aveva promesso hehehehee.


Si..VERO...ma l'assegno e' a vuoto/scoperto !!! :ride:
L'Acquariofilia e' una passione e le passioni bisogna coltivarle !!!



Torna a “MALAWI: MBUNA/HAPS”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti