Recensione del genere lago Malawi Melanochromis ( Teleostei : Cichlidae ) con una descrizione di una nuova specie

MALAWI: MBUNA/HAPS
Avatar utente
Antonio87
Utente
Utente
Messaggi: 396
Iscritto il: 08/05/2014, 13:44
Reputation: 13
Cosa allevi: N/D
Allevo pesci dal: N/D

Recensione del genere lago Malawi Melanochromis ( Teleostei : Cichlidae ) con una descrizione di una nuova specie

Messaggioda Antonio87 » 11/02/2016, 15:20

Sommario
Il genere lago Malawi Melanochromis incluso cinque specie al suo inizio ed è stato originariamente distinto da
Pseudotropheus sulla base della morfologia, compresa la disposizione dei denti sull'osso faringeo inferiore. il
la diagnosi è stata estesa due volte, prima a includere tutto allungare mbuna che possiedono strisce orizzontali e dei denti a forma di U
bande e poi da escludere mbuna che non presentano un'inversione legata al sesso nella loro modello di colore. Recentemente, la diagnosi
del genere è stato perfezionato sulla base del modello di melanina. Il genere comprende ora solo le specie con un melanina base
pattern, che consiste di due strisce laterali orizzontali nere su uno sfondo chiaro. La maggior parte dei membri adulti del genere,
così definito, hanno una inversione legata al sesso del modello di pigmentazione. Qui si descrive Melanochromis Mpoto n. sp. dal
parte nord-occidentale del lago Malawi, synonymize M. parallelus Burgess & Axelrod 1976 con M. loriae Johnson del 1975,
ridescrivere M. chipokae Johnson 1975 e M. robustus Johnson 1985 e riclassificare e designare un lectotipo per M. brevis
Trewavas 1935.

Introduzione
I piccoli, rock-dimora pesci ciclidi haplochromine in lago Malawi, in Africa, sono comunemente indicati come mbuna. Il genere Melanochromis Trewavas 1935 uno dei tredici generi attualmente riconosciuti all'interno del mbuna-è stato recentemente ridefinito da Tawil (2002) e Konings-Dudin et al. (2009). La diagnosi è basata principalmente sul modello melanina base, che consiste di due strisce laterali orizzontali nere su uno sfondo chiaro; la metà laterali della banda, che è sempre solida in apparenza, a cavallo del ramo inferiore del sistema della linea laterale, e la striscia dorso-laterale, che può essere frammentato, compreso tra la base dorsale pinna e la striscia mid-laterale. Il, mid-laterale striscia solido è spesso più ampia, circa 2-3 bilancia, rispetto a quello dorso-laterale che è 1-2 scale di larghezza. Il secondo carattere diagnostico si riferisce allo storno in modello di colore nei maschi di allevamento: in molte specie vi è una ridistribuzione delle aree melaniche (inversione) in soggetti dominanti (maschi e, forse, vecchi femmine) (Tawil 2002). In nove specie, tra le specie di tipo M. melanopterus, il modello di base, sempre visibile nei giovani e nelle femmine, diventa invertito nei maschi adulti, vale a dire l'intero corpo del primo maschio allevamento diventa (molto) blu scuro, marrone o nero -e, in secondo luogo, nella precedente posizione delle due strisce nere ci sono poi due strisce bianche-solidi di colore chiaro, giallo o blu. Questo modello pigmentazione rovesciata legata al sesso è unico tra ciclidi Malawi. In quattro specie, M. lepidiadaptes, M. wochepa, M. Kaskazini, e la nuova specie, M. Mpoto, questa inversione è incompleta. Il modello di base melanina è presente nelle femmine e giovani, ma nel maschio la colorazione di allevamento, che è interamente azzurro cielo per tutte e quattro le specie, il colore di sfondo diventa scuro (azzurro), e le strisce nere scompaiono, anche se questi non vengono convertiti ad un colore contrastante leggero.
Il genere Melanochromis è costituito da entrambe le specie predatori ed erbivori. Il gruppo predatore di specie è caratterizzata da corpi snelli, muso lungo, e le mascelle lunga inferiori, mentre il gruppo di erbivori esibisce corpi stockier, musi più brevi, più brevi e mascella inferiore. Alcune specie, ad esempio Melanochromis loriae, caratteristiche delle azioni di entrambi i gruppi.
Melanochromis brevis è una delle cinque specie originariamente descritti da Trewavas (1935). Ci sono due sintipi di M. brevis, uno dei quali è stato raccolto a Monkey Bay e l'altro, un esemplare immaturo, a Nkhudzi. Trewavas (1935) non ha dato una descrizione colore dei tipi, ma sulla base di un modello di colore assunto Johnson (1975) ha proposto trasferimento M. brevis al Pseudotropheus. Pochi anni più tardi e senza alcun motivo dichiarato, Johnson (1978) riconsiderato la sua proposta e restituiti M. brevis a Melanochromis. Nel 1979, Loiselle, che aveva visto i tipi, suggerito mettendo M. brevis in Pseudotropheus di nuovo in base al suo modello di colore. Tuttavia, Ribbink et al. (1983) non sono d'accordo con il suggerimento di Loiselle e trasferito di nuovo a Melanochromis. Quest'ultima pubblicazione è il primo che ha discusso M. brevis (denominato M. cfr brevis) da popolazioni selvatiche, ma abbiamo il sospetto hanno incluso diverse specie sotto questo nome. Secondo loro, M. cf. brevis avviene a le isole di Chinyankwazi, Chinyamwezi, Mumbo, e Boadzulu e a Monkey Bay e Nkhudzi (Ribbink et al. 1983). Il loro disegno di un esemplare da Chinyankwazi Island e una descrizione del colore della popolazione Monkey Bay strettamente identici a quelli Melanochromis robustus Johnson del 1985, che è ridescritto qui.Nel 1975 Johnson ha descritto Melanochromis loriae e M. chipokae; dopo aver esaminato le olotipi di queste specie ci siamo resi conto che aveva scambiato le fotografie a colori che hanno accompagnato le descrizioni, il che spiega il motivo per cui alcuni autori successivi confuso le due specie (ad esempio, Mayland 1982; Schraml 1998). Johnson ha anche scambiato gli esemplari di sesso femminile, descritto come "allotipi", ma correttamente mantenuti come paratipi a USNM. di Johnson (1975) descrizione (colore e meristics) della sua allotype femminile di M. chipokae corrisponde quello di M. loriae, mentre la descrizione e la morfologia del suo allotype femminile di M. loriae corrisponde quello di M. chipokae. Johnson (1975) ammesso che entrambe le specie comparvero simile ma accennato al fatto che possono essere distinti da colorazione. Questo convalidato sua descrizione, anche se la distinzione è basata sulla colorazione delle femmine, che aveva scambiate. pubblicazione di Johnson è andato inosservato da Burgess & Axelrod (1976), che ha descritto Melanochromis parallelus senza confrontare le loro nuove specie con quelle di Johnson (1975). Dopo un confronto morfologica, abbiamo stabilito che M. parallelus è conspecifici con M. loriae, e, quindi, M. parallelus è un sinonimo junior di M. loriae. Una descrizione estesa è data qui per quest'ultima specie nonché per M. chipokae.
Ribbink et al. (1983) hanno riportato una specie non descritta, che si riferisce come Melanochromis 'blu', che si verificano sulla costa nord occidentale del lago Malawi. Questa specie appartiene al gruppo predatori di Melanochromis ed è qui descritta come Melanochromis Mpoto n. sp. e rispetto agli altri membri predatori.
Una specie originariamente incluso in Melanochromis, come M. labrosus Trewavas 1935, è stato recentemente ri-valutati e inseriti in un genere a sé stante, Abactochromis (Oliver & Arnegard 2010).

Materiali e metodi
I pesci sono stati raccolti da in lago Malawi (Fig. 1) gli autori da li inseguono in una rete monofilamento durante le immersioni. I pesci sono stati anestetizzati con olio di chiodi di garofano, conservato in formalina al 10%, e messi in etanolo al 70% per la memorizzazione permanente. Tutti i conteggi e le misurazioni sono state fatte sul lato sinistro del pesce, ad eccezione dei conteggi gill-Raker. Conti e misurazione seguiti Barel et al. (1977) e Stauffer (1991; 1994) con le seguenti eccezioni. profondità Testa stata misurata dalla sinfisi hyoid alla sommità della testa (non espanso) ad un angolo di 90 ° rispetto all'asse del corpo orizzontale (linea orizzontale tracciata attraverso la parte inferiore della linea laterale). profondità del corpo è stata misurata dall'origine del quinto spina dorsale all'origine delle pinne pelviche. La profondità pre-orbitale è stata misurata come la lunghezza della intersezione dell'osso lacrimale con una linea continua il raggio dell'orbita e parallela al profilo del muso, biseca l'osso lacrimale (Eccles & Trewavas 1989). abbreviazioni istituzionali seguono Leviton et al. (1985).
modelli di pigmentazione sono stati registrati nel settore, nei maschi territoriali e non territoriali, femmine e giovani. I diversi modelli sono variabili in tutte le specie esaminate; nelle nostre descrizioni tale variazione si registra inserendo una barra tra i due colori tra cui il modello specifico varia, ad esempio, blu / bianco è usato per indicare che le gamme di colori dal blu al bianco e include le tonalità intermedie in alcuni individui. L'angolo del blocco ethmo-vomerine stata valutata in teschi preparate misurando l'angolo tra il parasphenoid orizzontalmente allineati e una linea che biseca vomere (in vista laterale) in due metà uguali.
dati morfometrici sono stati analizzati utilizzando tosato analisi delle componenti principali (SPCA), con la matrice di covarianza scomposto (Humphries et al 1981;. Bookstein et al 1985.). dati meristici sono stati analizzati con l'analisi delle componenti principali (PCA), con la matrice di correlazione scomposto. Le differenze tra le specie sono state illustrate tracciando le seconde componenti principali tranciati dei dati morfometrici contro i primi componenti principali dei dati meristici (Stauffer & Hert 1992)
Immagine
Mappa del lago Malawi con località menzionate nel testo .

Melanochromis robustus Johnson 1985
( Fig . 2; Tabella 1 )
Melanochromis cf. brevis ( non Trewavas ) Ribbink et al . 1983
Melanochromis brevis ( non Trewavas ) Konings 1995

Immagine
Melanochromis A. robustus , olotipo , AMNH 35386 , 124,2 millimetri SL , Malawi : Lago Malawi : . "L'Isola zimulu " , Davies et al , causa nascita di danni sul lato sinistro del campione mostrati dal lato destro ; B. M. robustus , maschio in allevamento colorazione ( circa 110 millimetri SL . ) Presso l'Isola nyankwazi , Lago Malawi , Malawi ; M. C. robustus , Femmina ( ca. 100 millimetri SL ) alla stessa località come maschio .

Diagnosi. Melanochromis robustus ha un modello di melanina base costituita da due strisce nere longitudinali sul corpo, di cui la metà degli laterali striscia inverte il colore con lo sfondo in allevamento maschile un carattere che lo rende un membro della Melanochromis. Femmina M. robustus si distinguono da tutti gli altri congeneri, ad eccezione di quelli di M. melanopterus, M. vermivorus, e M. Mpoto, da un grigio al corpo di colore marrone (da bianco a giallo in altri congeneri). femmine Mouthbrooding possono avere barre verticali aggiuntivi sui fianchi, ma questi sono più
RIESAME DI Melanochromis Zootaxa 3258 © 2012 Magnolia Stampa · 5
diffondere rispetto alle strisce orizzontali. Sia maschili che femminili robustus M. si distinguono da M. melanopterus, M. vermivorus, e M. Mpoto da una larghezza interorbitale più ampia, la cui larghezza è 26,1-29,6% di HL (16,6-20,6% in M. melanopterus, 18.5 -25.5% in M. vermivorus, e 14,8-21,8% HL in M. Mpoto n. sp.). Maschio M. robustus in allevamento colorazione si distinguono da tutti gli altri congeneri di un corpo di colore blu scuro e due strisce orizzontali azzurre sul fianco sovrapposta con blu scuro a barre verticali nere. Le barre sono interrotte da linee orizzontali di colore chiaro. Nessuna delle altre specie note di Melanochromis ha una colorazione maschio dove gli elementi orizzontali e verticali del modello sono espressi simultaneamente. Superficialmente, i maschi riproduttori di simpatriche e piccoli heterochromis M. hanno una colorazione simile (anche se mancano le barre verticali). Melanochromis heterochromis possono anche essere distinti dalla sua metà-laterale striscia di colore chiaro, che si estende raramente più di due scale, ma è di solito da tre a quattro scale nel profondo M. robustus. Melanochromis robustus si distingue inoltre da M. heterochromis da un muso più lungo, 33,8-38,0% HL contro il 26,8-31,5% in M. heterochromis, e da un peduncolo caudale più profondo, 12,9-14,4% SL contro il 9,8-11,7% in M . heterochromis

Description. Morphometric ratios and meristic values as shown in Table 1. Medium-sized to large mbuna, ovoid body (mean BD 37.3% SL) with greatest depth at about second to fourth dorsal spine. Dorsal body profile with gradual curve downward, more acute towards the caudal peduncle; ventral body profile slightly convex between pelvic fins and base of rays of anal fin with upward taper to caudal peduncle. Dorsal head profile rounded, with continuous curve between interorbital and dorsal-fin origin; horizontal eye diameter (mean 27.3% HL) greater than preorbital depth; majority of eye (along horizontal axis) positioned in anterior half of head; snout straight to slightly concave in some individuals; jaws isognathous; tooth bands with 3–5 rows in lower and upper jaws; teeth in anterior outer row unequally bicuspid with lateral teeth primarily unicuspid, and teeth in inner rows unicuspid (some teeth shouldered); at junction of outer and innermost row teeth as single series of small unicuspids.
Dorsal fin with XVI–XVIII (mode XVII) spines and 8–10 (mode 9) soft rays. Anal fin with III spines and 6 to 8 (mode 7) soft rays. First 3 or 4 dorsal spines becoming gradually longer posteriorly with fourth spine about 1.5 times length of first; last 13 spines becoming slightly longer posteriorly with last spine longest, about three times length of first; soft dorsal with rounded (females) or rounded to subacuminate (males) tip, third or fourth ray longest, reaching approximately base of caudal fin in females and approximately ¼ length of caudal in males. Anal spines progressively increasing in length posteriorly; third or fourth ray longest, reaching base of caudal fin; 1–3 small yellow spots on posterior anal fin in females and 2–10 yellow spots on posterior anal fin in males. Caudal fin subtruncate to emarginate. Pelvic fin not reaching anal fin in females, but extending to second or third spine of anal fin in large males. Pectoral fin short and paddle-shaped, reaching superimposed vertical line through base of 10th or 11th dorsal spine.
Flank scales large, ctenoid with abrupt transition to small scales on breast; cheek with 3–5 (mean 4) rows of small scales; caudal fin with tiny scales to margin; no scales on other fins.

Colorazione. Allevamento maschi: testa sotto gli occhi blu scuro / nero con fascia interorbitale azzurro, nuca e parte post-orbitale di azzurro testa al grigio. Corpo blu blu / scuro con strisce solido midlateral azzurro e striscia dorso-laterale azzurro meno ben definito; anteriormost 2-5 barre verticali scure e sovrapposto modello di strisce orizzontali; barre verticali interrotte in cui si intersecano strisce orizzontali di luce blu; peduncolo caudale blu scuro / grigio con striscia midlateral azzurro che si estende sulla pinna caudale; pancia e seno blu scuro / nero. Dorsale Blue Fin chiaro con banda nera submarginale, in banda alcuni maschi submarginali non è solido, e lembi di luce blu. pinna caudale con / membrane blu scuro nero, margine posteriore chiaro, e raggi di luce-blu. blu pinna anale con banda larga submarginale nero, margine anteriore azzurro, e 2-10 piccolo arancione / giallo ocelli sulla parte posteriore della parte morbida passato ai raggi. Pelvico Black Fin, con margine anteriore azzurro. pinna pettorale con raggi / nero grigio scuro e membrane chiare.
Femmine: testa grigio / verde con macchie verdi iridescenti da parte post-orbitale e macchia opercolare nero; bar interorbitale scuro con alcune macchie iridescenti verdi; Insomma, striscia orizzontale scura dietro l'occhio non si estende a macchia opercolare. Corpo grigio / verde-giallo con striscia solido midlateral nero che si estende a, ma non sul peduncolo caudale, e interrotto striscia dorso-laterale nero; deboli barre verticali scure sopra strisce orizzontali, più cospicui in mouthbrooding femmine. Dorsale e anale grigio pinna con fascia nera submarginale debole. pinna caudale con macchia nera alla base; membrane grigio chiaro con fascia submarginal scuro e margine esterno chiaro; raggi di luce-blu / bianco. Pelvico grigio pinna con stretto margine anteriore bianco / azzurro. pinna pettorale chiaro con i raggi grigi.

Distribuzione del campo e osservazioni. Melanochromis robustus è raro nel caso in molto superficiale (<5 m di profondità) nell'habitat rupestre alle isole di Chinyankwazi e Mumbo (Fig. 1). Ribbink et al. (1983) riportano la presenza di questa specie (come Melanochromis cfr brevis) in altri luoghi nel braccio sud-orientale del lago, ma non siamo stati in grado di confermare questo.
I maschi in allevamento colorazione energicamente difendono i siti di deposizione delle uova, che si trovano all'interno di grotte e anfratti tra le rocce, contro maschi conspecifici. territori maschi hanno un diametro stimato di 2-3 metri. aggressione territoriale contro maschi di M. heterochromis, che è molto più comune a entrambe le isole, non era evidente, anche se le due specie sono talvolta difficili da distinguere sulla base di colorazione, se non fosse per la dimensione molto maggiore di M. robustus . Le femmine si vedono raramente, e quelli che erano da sempre solitaria; femmine mouthbrooding rimangono solitari e stare vicino al substrato roccioso. Ribbink et al. (1983) dire che lo stomaco le analisi di M. robustus rivelato plancton e alghe, e di tanto in tanto gli insetti terrestri come le formiche e mosche. Gli individui che abbiamo osservato in isole di Chinyankwazi e Mumbo suggeriscono un comportamento alimentare opportunistici in cui la specie è attratto da particelle visibili che galleggiano nella colonna d'acqua, piuttosto che la raccolta di cibo mentre si naviga in modo sistematico dal substrato roccioso. analisi stomaco non sono state eseguite.

Melanochromis loriae Johnson 1975
(Fig. 3; Tabella 2)

Melanochromis parallelus Burgess & Axelrod 1976

Materiale esaminato. USNM 214175, olotipo, di sesso maschile, 100,6 millimetri SL, Malawi: Lago Malawi: "Chipoka Island", Davies et al .; USNM 215.029, olotipo di M. parallelus, femminile, 76,2 millimetri SL, Malawi: Lago Malawi, Axelrod, ottobre 1974; USNM 215.030, paratipo di M. parallelus, di sesso maschile, 81,5 millimetri SL, i dati di raccolta stessi come USNM 215.029; USNM 215.031, paratipi di M. parallelus, 2, 71,7-76,6 mm SL, Malawi: Lago Malawi: ottenuto dal rivenditore acquario, 1976; PSU 6042, 10, 69,1-85,5 mm SL, Malawi: Lago Malawi: Likoma Island: 12 ° 01,62'S, 34 ° 44.16'E, Konings, 7 ottobre, 2009.
Diagnosi. Femminili e subadulti loriae M. si distinguono dai loro congeneri, ad eccezione di quelli di M. melanopterus, lepidiadaptes M., e M. Kaskazini, da un bianco al corpo color crema (giallo al marrone in altri congeneri), due strisce orizzontali nere su il fianco, una banda nera submarginale nella pinna dorsale, e marcature nere sul lobo inferiore della pinna caudale. Melanochromis loriae si distingue da M. melanopterus e M. Kaskazini da una mascella inferiore più corto, 31,9-35,2% HL contro il 37,2-41,7% in M. melanopterus e 36,4-44,6% in M. Kaskazini, e da M. lepidiadaptes dal più alto numero di righe di denti, 5-7 contro 2 o 3. maschio M. loriae in allevamento colorazione si distinguono dai loro congeneri, ad eccezione di M. melanopterus, M. simulans, e M. robustus, da una larga fascia nera nel spinoso parte della pinna dorsale, assente in tutti gli altri congeneri. Melanochromis loriae si distingue da M. melanopterus e M. simulans da una mascella inferiore più corto, 31,9-35,2% HL contro il 37,2-41,7% in M. melanopterus e il 40% (Eccles, 1974) in M. simulans, e da M. robustus da un peduncolo caudale meno profondo, 11,7-12,6% SL contro il 12,9-14,4%

Immagine
3. A. Melanochromis un riae , olotipo , USNM 214175 , di sesso maschile , 100,6 millimetri SL ; Malawi Lago Malawi : . " Chipoka Island" , Davies et al ; B. M. Il riae , maschio in allevamento colorazione ( circa 80 millimetri SL . ) A Thumbi West Island ( popolazione introdotto da Davies et al. ) , Lago Malawi , Malawi ; C. M. Il riae , Femmina ( circa . 70 millimetri SL ) alla stessa località come maschio .

Descrizione.
rapporti morfometrici e valori meristici come mostrato nella tabella 2. Piccolo, specie oblunghi (media BD 35,5% SL), con maggior profondità il corpo a circa base della nona spina dorsale. Dorsale profilo del corpo con la curva verso il basso per peduncolo caudale, in alcuni esemplari di curvatura più acuto vicino all'estremità posteriore della pinna dorsale; profilo ventrale del corpo dritto leggermente convesso tra le pinne pelviche e sfogo, con conicità verso l'alto lungo base della pinna anale per caudale peduncolo. Dorsale profilo testa arrotondata, con la curva quasi continuo tra la punta del muso e dorsale origine della pinna; Diametro occhio orizzontale (media 28,7% HL) maggiore di profondità preorbital; più di tre quarti di occhio (lungo l'asse orizzontale) che si trova a metà del anteriore della testa; da moderata a profilo testa ripida, dritto al muso leggermente convesso e le mascelle leggermente retrognathous; bande denti larghi con 5-7 righe di mascella inferiore e superiore; denti in fila esterna diseguale premolari e denti in righe interiore tricuspide; singola serie di denti unicuspid dove file esterne e più interne si incontrano.
Pinna dorsale con XVIII-XIX (modalità XIX) spine e 7-9 (modalità 8) raggi molli. pinna anale con III spine e 7 o 8 (modalità 7) raggi molli. Primi 3 o 4 dorsale spine diventando gradualmente più posteriormente con la prima colonna vertebrale meno di ½ lunghezza del quarto; ultimi 15 spine diventando leggermente più lungo posteriormente allo scorso spina dorsale più lunga; dorsale molle con arrotondati (femmine) o arrotondato al subacuminate (maschi) punta, terzo o quarto raggio più lungo, non raggiungendo pinna caudale nelle femmine e che si estende a circa base della pinna caudale nei maschi. spine anali diventando progressivamente più posteriormente; terzo o quarto raggio più lungo, non raggiungendo base della pinna caudale. Caudal subtruncate pinna emarginate. Pelvico fin breve, non raggiungendo pinna anale. pinna pettorale arrotondate, a forma di pagaia, insomma, raggiungendo linea verticale attraverso la base del 11 ° o 12 ° spina dorsale.
Fianco scale di grandi dimensioni, ctenoid; brusca transizione a piccole squame sul petto; guancia con 4-5 (media 5) file di piccole squame; bande di piccole scaglie sui margini prossimali di pinna caudale; 75-90% della pinna caudale ricoperto di piccole squame; nessun bilancia su altre pinne

Colorazione. Allevamento maschi: Testa blu / nero con due bande interorbitale luce blu scuro; guancia e regione triangolare nero; nuca blu scuro / nero. Corpo blu / nero con striscia solido midlateral azzurro e striscia dorso-laterale azzurro più diffuso scuro; peduncolo caudale blu / nero con striscia midlateral blu scuro; pancia e seno blu scuro / nero. Dorsale pinna blu scuro con banda larga submarginale bianco e lembi di luce blu, in alcuni maschi posteriore dorsale con un margine di colore giallo. pinna caudale con membrane blu scuro / nero e alcuni raggi di luce-blu, il margine azzurro con strette margine posteriore di colore giallo. Anal Black Fin, con 0-3 arancione / ocelli giallo sul margine posteriore e il margine ventrale azzurro. Pelvico Black Fin, con margine anteriore azzurro. pinna pettorale con grigio / nero raggi e membrane chiare.
Femmine: testa grigia / verde sul muso e sulla nuca, e crema / bianco sulla guancia e la gola con due barre nere interorbitale e terza battuta sul retro del collo che si estende a banda dorso-laterale. Corpo bianco / crema con ampia midlateral nero e strisce dorso-laterale, ogni 2-3 scale di larghezza. Dorsale e anale bianco pinna con banda larga submarginale nera, pinna caudale bianca con margine e nere macchie e striature chiare in tutto pinna. bianco pinna pelvica con stretto bianco / azzurro margine anteriore e la fascia submarginale nero. pinna pettorale chiaro.

Distribuzione del campo e osservazioni. Melanochromis loriae ha una vasta distribuzione nella metà settentrionale del lago. I punti più settentrionali della distribuzione sono rocce Mphanga, Malawi, sulla costa occidentale del lago, e Lutara, Tanzania, sulla costa orientale. Kande Island, Malawi e Tumbi Point, il Mozambico, sono i rispettivi punti più meridionali della distribuzione (Fig. 1). Questa specie si trova anche presso le isole di Chizumulu e Likoma ma non a Taiwanee Reef. M. loriae avviene in piccole quantità nella maggior parte delle località in tutta la sua gamma, ma a Ndumbi Rocks, una barriera corallina al largo della punta nord-occidentale di Likoma Island, che si trova talvolta in foraggiare gruppi di oltre 50 persone. Oltre femmine e maschi non di allevamento, questi gruppi contengono spesso i maschi non territoriali in pieno la colorazione di allevamento. L'habitat preferito è prevalentemente rocciosa con poca sabbia, e la maggior parte degli individui si verificano ad una profondità compresa tra cinque e 20 metri (Ribbink et al. 1983). Melanochromis loriae è un onnivoro, nutrendosi principalmente dalle Aufwuchs sulle rocce. Oltre a alghe, tuttavia, Ribbink et al. (1983) hanno osservato friggere pesce gatto e uova ciclidi nel contenuto dello stomaco di sei individui raccolti a Likoma Island. Melanochromis loriae è attratto da sedimenti suscitato-up, suggerendo comportamento alimentare opportunistici. In diverse occasioni uno di noi (AK) ha osservato femmine adulte di M. loriae raccolta funghi e vermi di ancoraggio (Lernaea sp.) Da haplochromines più grandi (non mbuna). In tutti i casi il pesce afflitti si avvicinò al "pulito" e ha chiarito, da sdraiato su un fianco o in bilico in una obliqua, posizione di head-up, che vorrebbe avere un "trattamento". In tutti i casi la pinna dorsale è stata presentata prima. La femmina M. loriae poi prese energicamente presso il fungo o parassita e strappato via. Anche se questo visibilmente ferito il "client ', è rimasto nella tipica posizione. Quando il processo di pulizia era completo, che potrebbe richiedere più di un minuto, il più grande haplochromine avrebbe ripreso la sua normale posizione di nuoto e scomparire. stazioni di pulizia, come si vede nei pesci marini, non sono state rispettate: dopo la pulizia è stata fatta la femmina M. loriae sarebbe scomparso dalla scena pure.


Melanochromis Mpoto nuove specie
( Figg 5 e 6 ; . Tabella 4 )
Melanochromis 'blu' Ribbink et al . 1983
Melanochromis robustus ( non Johnson ) Konings 1995
Benetos Melanochromis ( non Bowers & Stauffer ) Schraml 1998
Melanochromis spec . ' Matema ' Schraml 1998
Olotipo . PSU 6039 , 86,6 millimetri SL , di sesso maschile ; Malawi, Lago Malawi , Katale Island, 10 ° 27.3 ' S , 34 17.2 ' E , A. Konings , 10 Oct 2009

Immagine
A. Melanochromis Nord , olotipo , PSU 6039 , 86,6 millimetri SL , di sesso maschile ; Malawi, Lago Malawi , Katale Island, A. Konings 10 Ott 2009 ; B. M. Nord , maschio in allevamento colorazione ( circa 80 millimetri SL . ) A Chitande Island, Lago Malawi , Malawi ; C. M. Nord , Femmina ( circa . 50 millimetri SL ) a Katale Island, Lago Malawi , Malawi.

Diagnosi. Femmine e maschi non da riproduzione di M. Mpoto si distinguono da tutti i congeneri , ad eccezione di M.
melanopterus, M. vermivorus, e M. baliodigma, da un corpo marrone scuro e un modello melanina, quando distinguibile, costituito da due strisce orizzontali scure combinati con barre verticali scure. Le uniche altre specie Melanochromis con un tale modello è M. baliodigma, ma M. Mpoto possono essere distinte da quest'ultima specie avendo barre verticali che sono più strette rispetto sia striscia orizzontale; in M. baliodigma le barre verticali sono molto più ampia rispetto alle strisce orizzontali. Mouthbrooding femmine di M. robustus possono esibire barre verticali pure, ma questa specie ha una larghezza maggiore rispetto a quella interorbitale di M. Mpoto (26,1-29,6% HL vs. 14,8-21,8% in M. Mpoto). Melanochromis Mpoto differisce da M. melanopterus e M. vermivorus da una profondità guancia meno profonda (15,4-21,7% HL contro il 22,9-31,7% HL in M. melanopterus e 28,2-36,2% HL in M. vermivorus). Maschio M. Mpoto in allevamento colorazione sono azzurro / blu senza barre o strisce visibili sul fianco. Melanochromis maschi Mpoto sono quindi distinti da quelli della maggior parte delle altre specie Melanochromis tranne M. lepidiadaptes, M. Kaskazini, e M. wochepa. M. Mpoto differisce da maschi e femmine wochepa M. dal suo più mascella inferiore (38,1-42,4% HL contro il 26,7-32,5% in M. wochepa), e da M. lepidiadaptes maschi dalla band submarginale nera nella sua pinna anale, che è blu interamente luce nei maschi completamente colorate di M. lepidiadaptes. Nei maschi parzialmente colorate di quest'ultima specie le strisce orizzontali nere sono visibili, ma nessun barre verticali presenti, come nel caso in M. Mpoto. I maschi di M. Mpoto differiscono da quelli di M. Kaskazini possedendo più denti nella mandibola (18-23 vs 10-16 in M. Kaskazini), avendo una profondità preorbital meno profonda (15.4 - 20,4% vs. 19,3 HL -26,9% in M. Kaskazini), e possedendo una guancia meno profonda (15,4-21,7% HL contro il 19,8-28,0% in M. Kaskazini). maschi completamente colorate di M. Mpoto e M. Kaskazini sono indistinguibili sulla base della sola colorazione, ma i modelli melanina base delle due specie, come si è visto in giovani e femmine adulte, differiscono notevolmente

Immagine
6. Melanochromis Nord , 10568 PSU , 79 millimetri SL , Malawi, Lago Malawi , Luwino Reef , 10 ° 26.88 'S , 34 ° 16.97'E ; A. vista latero - dorsale del dentario ; B. vista latero -dorsale della Bassa faringea mascella .

Descrizione. rapporti morfometrici e valori meristici come indicato in tabella 4. mbuna di medie dimensioni, il corpo a forma di fuso (media BD 29,8% SL) con la massima profondità di circa 9 all'11 spina dorsale. Dorsale profilo del corpo con graduale curva verso peduncolo caudale; profilo ventrale del corpo dritto a convesso leggermente nelle femmine e convessa nei maschi adulti tra pinne pelviche e la base di raggi di pinna anale; posteriormente, profilo del corpo ventrale gradualmente curvatura dorsale verso peduncolo caudale. Dorsale profilo testa leggermente arrotondata, con continuo curva convessa tra interorbitale e dorsale-fin origine; Diametro occhio orizzontale (media 27,7% HL) notevolmente superiore profondità guancia; circa ¾ di occhio (lungo l'asse orizzontale) si trova nella metà anteriore della testa; muso allungato e dritto con ganasce isognathous; bande denti con 3-4 righe in basso e 3-5 righe in mascella superiore, con divario evidente tra prima e seconda fila; denti in fila esterna anteriore anche per diseguale premolari nelle femmine e disuguale premolari a
16 · Zootaxa 3258 © 2012 KONINGS & STAUFFER Magnolia Press
unicuspid nei maschi; denti in file interne per lo più unicuspid (alcuni denti tricuspide spalle); singola serie di denti unicuspid allo svincolo di righe esterne e più interne (Fig. 6). Triangolare inferiore osso faringea con moderata rientro posteriore; pochi denti mediana leggermente allargati, ma con punte appuntite; altri denti faringei compressi lateralmente con punte ricurve, a lama (Fig. 6)Pinna dorsale con XVII o XVIII (modalità XVII) spine e 9 o 10 (modalità 9) raggi molli. pinna anale con III spine e 7 o 8 (modalità 8) raggi molli. First 4 o 5 dorsale spine diventando gradualmente più posteriormente con la quarta colonna vertebrale sulla lunghezza il doppio della prima; ultimi 12 spine diventando leggermente più lungo posteriormente allo scorso colonna vertebrale più lungo, circa quattro volte la lunghezza della prima; parte morbida della pinna dorsale con arrotondati (femmine) o arrotondato al subacuminate (maschi) punta, quarto o quinto raggio più lungo, raggiungendo base della pinna caudale nelle femmine e di circa ¼ lunghezza della pinna caudale nei maschi. spine anali-fin che diventano progressivamente più posteriormente; quarto o quinto raggio più lungo, raggiungendo base della pinna caudale. Caudal subtruncate pinna emarginate. Posteriore punta della pinna pelvica che si estende per circa pinna anale nelle femmine o di seconda o terza colonna vertebrale della pinna anale in grandi maschi. Pinna pettorale a forma di pala, punta posteriore si estende alla linea verticale attraverso la base del 11 ° o 12 ° spina dorsale.
Fianco scale di grandi dimensioni, ctenoid, con brusca transizione di piccole squame sul petto; guancia con 5-7 (media 6) file di piccole squame; 50-75% della pinna caudale ricoperto di piccole squame; Non ci sono scale presenti in altre pinne

Colorazione. Allevamento maschi: la testa e il corpo blu ciano. Dorsale blu ciano pinna con un margine distale azzurro pallido e lembi bianchi. blu ciano pinna caudale con fascia submarginale azzurro pallido e stretto margine distale giallo. Pinna anale grigio / blu, con margine distale azzurro e 3-5 piccoli ocelli giallo. Pelvico fin grigio / blu con il bianco margine anteriore / azzurro. pinna pettorale con raggi di luce-colore grigio e membrane chiare. Pieno di sesso maschile di colore allevamento nasconde modello melanina base tipica di femmine e giovani.
Le femmine: testa marrone / marrone scuro con grigio regione triangolare / marrone. Corpo bluastro-marrone / marrone scuro, spesso con più scure strisce midlateral e dorso-laterale e barre verticali. Dorsale e caudale grigio / marrone con ampio margine giallo posteriore; pinna anale grigio / marrone con 1-3 piccoli punti di colore giallo. marrone pinna pelvica con stretto margine anteriore bianco / azzurro. pinna pettorale con raggi marroni e / membrane giallo grigio.
Distribuzione del campo e osservazioni. Melanochromis Mpoto ha una vasta distribuzione nella parte settentrionale del lago ed è stato incontrato lungo la costa nord-occidentale tra Chitande Island, vicino Chilumba, e Nkhata Bay, e sulla sponda nord-orientale tra il Matema e Hongi Island, vicino Liuli (Fig. 1) . Ribbink et al. (1983) riportano anche questa specie da Likoma Island, ma non sono stati in grado di confermare questo.
preferenza e il comportamento di M. Mpoto Habitat sono simili a quelli di M. melanopterus nella parte meridionale del lago. Come quest'ultima specie, M. Mpoto è un non-specializzato, ciclidi non territoriale, che vive in habitat rocciosi e intermedi. Melanochromis Mpoto è più spesso visto a una profondità di 20-40 m. Si vive una vita predatori, ma è stato anche visto nutrono di plancton. esemplari più grandi sembrano essere principalmente piscivori opportunistiche. Gli adulti sono generalmente solitari, ma veloce per formare piccoli "pacchetti" di fino a una dozzina di individui in cui le opportunità di caccia presentano. Tali confezioni possono contenere più di un singolo maschio in allevamento colorazione. Queste piccole confezioni muoversi rapidamente attraverso il habitat , a quanto pare provocando commozione tra i piccoli pesci e invertebrati preda , e scavenging su tutto ciò che sembra la pena consumare . analisi del contenuto dello stomaco non sono stati effettuati , ma piccoli pesci (RFI) , invertebrati come larve di insetti , crostacei e bentonici sono energeticamente cacciati e certamente parte della dieta . confezioni di caccia sono anche attratti da sedimenti disturbato .
Non sono stati riscontrati i maschi territoriali ; femmine mouthbrooding sono solitari e, a volte si trovano in acque più basse di 10 m . femmine Fry - guardia , non sono stati visti .
Etimologia. L' epiteto specifico , un sostantivo in apposizione , deriva dal Chitumbuka , la lingua parlata lungo la riva del lago nord-occidentale , e significa " nord ", riferendosi al modello di distribuzione di questa specie .

Discussione
Noi consideriamo il modello di base melanina una delle caratteristiche più importanti nella classificazione ciclidi del Malawi, e specie di Melanochromis avere un motivo a strisce univoco che viene invertito-incompleto in alcuni casi maschi adulti-in (Konings-Dudin et al. 2009). Durante gli ultimi 35 anni la diagnosi di Melanochromis è stato migliorato e perfezionato, e dal momento che l'erezione del genere da Trewavas (1935) molti lavoratori hanno suggerito classificazioni alternative per i suoi membri. Nella Tabella 5 diamo la cronologia di queste affermazioni tassonomici, nonché un elenco di tutte le specie in precedenza e attualmente considerati di essere membri.
Immagine


Torna a “MALAWI: MBUNA/HAPS”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti